Sono tornata

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Sono tornata

Messaggio  Be in Lova il Mer Apr 12, 2017 11:30 pm

Organizziamo un viaggio! Insieme! Un'avventura che ci porti tutti i giorni in posti diversi, incontrando ogni giorno persone nuove, mai le stesse! La vita sedentaria, ciclica e ripetitiva non fa per noi. Viaggiando avremo sempre qualche storia da raccontare perché l'avremo vissuta. Vivere.... È così tanto tempo che non mi sento vivo che non so più cosa vuol dire... Ma un'ultima occasione, un'ultima possibilità per riscoprirlo me la voglio concedere.

Be in Lova

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 12.04.17

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sono tornata

Messaggio  Cely il Dom Gen 29, 2017 4:23 pm

In teoria hai ragione, in pratica no...
Cioè mettiamo caso che io voglia andare ad un concerto ( a Milano nel trovi quanti ne vuoi,nel paesello si e no arriva la cover di ligabue per ferragosto) con chi??? Ed evitiamo la solita retorica del "se ti va ci vai da sola", no, a fare la spesa vai da sola, a mangiare al fast food vai da sola, ma a certe serate non puoi andare da sola. Preferivo vivere nel paesino di 1000 abitanti con la compagnia giusta.
Suppongo che la compagnia giusta non la ho perché sono border...o forse semplicemente perché sono sfigata (nel senso che non me ne va una per il verso giusto, non scherzo, appena qualcosa sembra prendere la piega giusta mi sento spiazzata, strana, e poi infatti finisce male)
Mi gira il cazzo per tutto e mi viene da piangere. Odio la mia famiglia, la gente che mi circonda, la facoltà che facciio, il lavoro che farò. Forse l unica cosa che mi fa sorridere è il cane.

Cely

Messaggi : 752
Data d'iscrizione : 20.09.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sono tornata

Messaggio  Funambolo il Lun Gen 09, 2017 10:29 pm

Però a Milano hai l'opportunità di trovare tutti i tipi di gente che vuoi,che un paese se li sogna (tipo il mio).
Cosa intendi per divertirti?

Funambolo

Messaggi : 103
Data d'iscrizione : 15.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sono tornata

Messaggio  Cely il Lun Gen 09, 2017 5:55 pm

No, non dico che il vuoto e la noia siano la stessa cosa, ma il vuoto ti porta ad avere necessariamente più noia. Il vuoto se ne va quando "trovi la tua strada", nel senso che alcuni (non necessariamente border) vivono con un senso di vuoto perché sono dei "fuoriluogo ovunque", non a caso la maggior parte degli adolescenti ha questo senso di vuoto, non perche siano border ma perché non hanno ancora trovato il loro posto nel mondo. Quando hai il tuo posto nel mondo l'uscita con gli amici può essere qualcosa di fortemente gasante, se sei fuori luogo ti lascia l amarezza (o vuoto, dipende come vuoi chiamarlo)
Non voglio dire che trovare il proprio posto nel mondo sia necessariamente avere degli affetti. Ci son quelli che si sentono appagati anche solo lavorando 15h al giorno perché è quello che gli piace.
Io ora come.ora non sento il vuoto, strano ma vero. Sento una.forte noia, non dovuta alla necessità di novità ma dovuta al fatto che mi son costruita una prigione con le mie stesse mani. Mi sono allontanata da tutti pensando fosse la cosa giusta. Alla fine stando con gli amici che mi ero creata non stavo affatto bene, ogni singola cazzata mi portava a pensare a quanto sia sfigata a trovare sempre le persone sbagliate. Non dico che ci sia qualcosa di necessariamente giusto e qualcosa di necessariamente sbagliato. Ognuno è. Com'è e in base a ciò che sei la tua vita dovrebbe andare di conseguenza.
Probabilmente il mio vissuto mi ha portata a considerare divertenti altre cose piuttosto che altre. Io sono in un modo e la gente che ho conosciuto in questo posto in un altro. Il problema si pone quando il 99% della gente è in un modo e tu in un altro. In quel caso diventi un disadattato. Tutti questi buonisti hanno capito che se una donna porta il burka non soffre del fatto che le si vedano solo gli occhi, è cresciuta così è quella per lei è la normalità. Voglio vedere se domani ad una qualsiasi donna italiana si vada a dire che deve girare a volto coperto, che deve avere un marito 20 anni più grande che condivide il letto con altre 4 donne a cui deve fare la servetta per il resto della vita senza possibilità di ribellarsi . (Non è un discorso ne razzista ne buonista, quindi evitiamo commenti di sorta su una cultura di cui non me.ne può fregar di meno)
Qual è la mia ragione per vivere? Mi verrebbe da dire la vita stessa, far ciò che ti fa star bene... ma anche qui non renderei l idea. Siamo comunque animali sociali, ogni cosa è più bella se condivisa ed è dalla condivisione che nascono i rapporti umani più belli. Probabilmente ciò che mi manca è proprio la condivisione delle cose belle.
Un viaggio è bello se lo condividi con persone con cui stai bene, altrimenti è solo triste come una gita scolastica, tipo. Non so se rendo l idea.
Eppure non so, vedo i rapporti umani davvero deficitari. Tutti i ragazzi con cui sono uscita nell ultimo anno erano di una noia indicibile. Si crea sempre.quella voglia di scappare. Le amicizie non ne parliamo proprio...
Ho parlato anche con una ragazza conosciuta su un altro forum nella stessa situazione che mi diceva sempre che la.causa del suo male era essere nata nel posto sbagliato. Ma non ne sono convinta... la mentalità.va al di là del paesello o della città. L unica differenza che vedo è che nel paesello sei sotto i riflettori di tutti, nella città a nessuno frega di niente di ciò che fai e di chi sei. C'è sicuramente più roba da fare. Io vivo a Milano e noto la differenza. Nel mio paesello potevi al massimo fare la.sfilata in piazza. Qui basta cercare su Facebook e hai solo l imbarazzo della scelta. Ci sono talmente tanti posto, talmente tanta gente, puoi scegliere dove andare in base a ciò che ti piace. Ma alla fine se non hai nessuno con cui condividere la serata cosa vuoi fare? Non stiamo parlando di mangiare una pizza di fronte ad un film.

Cely

Messaggi : 752
Data d'iscrizione : 20.09.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sono tornata

Messaggio  Funambolo il Mer Gen 04, 2017 11:11 pm

Non so ma ho l'impressione che tu metta sullo stesso piano due cose molto separate: lo svagarsi e il vuoto. Poi,non so nemmeno cosa intendi con svagarsi anche se a volte riconosco anche in me la voglia di prendere e fare qualcosa di nuovo. Forse ti serve qualche novità. Di persone interessanti io ne trovo molte in giro,sai i borderline hanno la famosa calamita,strano che tu non ne veda nessuno,forse dovresti dargli il giusto tempo. Questo se si tratta di svago,se invece è il vuoto il problema sarà molto più faticoso uscirne e come dicevo credo c'entri la rabbia e l'insoddisfazione che risucchia tutte le energie....
Qual è la tua ragione per vivere? svagarti?

Funambolo

Messaggi : 103
Data d'iscrizione : 15.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sono tornata

Messaggio  Cely il Mer Gen 04, 2017 7:04 pm

Funambolo ha scritto:Se sai che il problema sono le amicizie, cambiale...prova qualcosa di diverso.
Dopo aver letto il tuo scritto sono andato dalla mia psicologa e le ho chiesto se ci fosse una ragione per vivere. Lei mi ha detto che le sue ragioni non valgono anche per me,che ognuno deve trovare le sue. Quindi io le ho risposto che per uno che non ha nessuna ragione,una ragione qualsiasi va bene lo stesso. Lei allora mi ha detto che trova la sua ragione di vivere negli affetti... io ho pensato "cavolo,non ho nessun affetto per cui valga la pena vivere"..e forse si arriva così a questa stessa situazione. Dobbiamo trovare qualcuno adatto, e credo che tu sia troppo dura con gli uomini vedendoli come una massa di numeri tutti uguali. Lo stesso per le amicizie...il problema credo sia il vuoto,non che non ci sia qualcuno disposto a "svuotare" la mente insieme a te (p.s. io sono un borderline moralista bacchettone e maschio,tra l'altro. Mi mancano sono gli occhiali) . Ma il bisogno stesso di svuotarla è il problema da affrontare.. E' il vuoto che non si colma nemmeno con tutte le cavolate che un 20enne può fare

Non confondere l essere bacchettone con la mancanza di voglia di vivere. Sembrano la stessa cosa dall esterno.
Le ragioni di vivere sono tante, anche le più stupide, in una conversazione botta e risposta chiunque risponderebbe "gli affetti" o ancora "vedere chi mi vuole bene sorridere". Ognuno di noi sa cosa ama della vita, cosa lo rende felice. È importante solo tenere i piedi per terra (se uno venisse a dirmi che per essere felice vorrebbe avere soldi a palate e non lavorare, minimo gli rido in faccia) i piaceri possono anche essere cose banali come mangiare un dolce o fumare una sigaretta.
Per come la vedo io, ci sono tante cose belle nella vita. Tante buone ragioni per vivere ma... quando non puoi metterle in pratica, come.fai? La vita diventa sterile e vuota. Passi le giornate a fare sacrifici che non vuoi fare senza nemmeno avere un motivo per sorridere (mi viene in mente quando andavo alle elementari, volevo sbrigarmi a fare i compiti per guardare i cartoni, ed ero felice così, non mi pesava mica fare i compiti, li facevo per i cartoni!)
I miei affetti sono lontani. Non vivo con i miei, li vedo poco e so che non saranno eterni.
Il mio cervello non vuole più collaborare, è stanco di studiare e dell'ora d aria da carcerati. Non ho nemmeno più la voglia di pulire gli occhiali quando si sporcano e mangio roba in scatola pur di non alzarmi ad accendere il gas. Non so da dove iniziare per riprendere la vita in mano.
Cambiare le amicizie, giusto ma non facile. Per c9noscere gente nuova devi avere un "ponte", tramite amici conosci altri amici. Così da 0 non arrivo da nessuna parte. Ho fatto qualche nuova conoscenza nei luoghi che frequento di solito. Gente noiosa. E no, non mi va di vedere il film d amore a casa della mia amica.

Cely

Messaggi : 752
Data d'iscrizione : 20.09.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sono tornata

Messaggio  Funambolo il Mer Gen 04, 2017 6:02 pm

Se sai che il problema sono le amicizie, cambiale...prova qualcosa di diverso.
Dopo aver letto il tuo scritto sono andato dalla mia psicologa e le ho chiesto se ci fosse una ragione per vivere. Lei mi ha detto che le sue ragioni non valgono anche per me,che ognuno deve trovare le sue. Quindi io le ho risposto che per uno che non ha nessuna ragione,una ragione qualsiasi va bene lo stesso. Lei allora mi ha detto che trova la sua ragione di vivere negli affetti... io ho pensato "cavolo,non ho nessun affetto per cui valga la pena vivere"..e forse si arriva così a questa stessa situazione. Dobbiamo trovare qualcuno adatto, e credo che tu sia troppo dura con gli uomini vedendoli come una massa di numeri tutti uguali. Lo stesso per le amicizie...il problema credo sia il vuoto,non che non ci sia qualcuno disposto a "svuotare" la mente insieme a te (p.s. io sono un borderline moralista bacchettone e maschio,tra l'altro. Mi mancano sono gli occhiali) . Ma il bisogno stesso di svuotarla è il problema da affrontare.. E' il vuoto che non si colma nemmeno con tutte le cavolate che un 20enne può fare

Funambolo

Messaggi : 103
Data d'iscrizione : 15.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sono tornata

Messaggio  Cely il Mer Gen 04, 2017 4:11 pm

Mi viene terribilmente da piangere. Soffro di derealizzaxione continua e non so come uscirne. Mi sento stordita e non riesco a fare niente.
@Funambolo, non sono arrabbiata, o forse si, non lo so. Sono arrabbiata con quello che mi circonda. Sono circondata da sfigati (definizione di sfigato: uno che preferisce rimanere fuori da un locale pur di non vedere i propri occhiali che si appannano, uno a cui piace andare in un posto a vedere la gente che fa cose piuttosto che fare cose, un bacchettone che non sa divertirsi, un inibito, un cadavere..chissà se mi spiego)
Ho un forte odio nei confronti degli uomini*se così lo si può chiamare* e ne ho parlato anche con la psico. Non è uno sfogo da femminista zoccoletta eh, non odio il genere maschile ma gli uomini che mi circondano. Sono una massa di stronzi scontati, odio il loro modo di vestire, il loro taglio di capelli, i loro interessi, il loro approccio, il loro stile di vita. So che genere di uomo cerco, ma sono circondata da tutto il contrario. Non è vero che per giudicare bisogna conoscere, tutte le volte che conosco rimango schifata. Lo stesso vale per le amicizie, sono circondata da moralisti bacchettoni. Nessuno che voglia divertirsi come si fa a 20 anni. Sono stufa di soffocare me stessa per fare quello che piace agli altri. È solo una perdita di tempo. Ma senza fare niente, senza staccare il cervello, ti senti di impazzire. Nulla ha un senso. Vivi solo per produrre e consumare. Non c'è niente che ti dia voglia di vivere. Che senso ha tutto ciò?

Cely

Messaggi : 752
Data d'iscrizione : 20.09.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Ciao

Messaggio  Funambolo il Mar Gen 03, 2017 1:05 am

Mi trovo nella tua stessa condizione... sento un grande vuoto, una desolazione completa...
Non so come porre rimedio a questo. Penso a quanto sia triste vivere una vita sola ed essere borderline...
Comunque questo vuoto credo sia dovuto ad un blocco alle emozioni, blocco che può essere causato da insoddisfazione e rabbia repressa..
Proverei a sfogarmi fossi in te (ed io non so da che parte farmi) per vedere se qualcosa si smuove. Sei arrabbiata in questo periodo?

Funambolo

Messaggi : 103
Data d'iscrizione : 15.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Sono tornata

Messaggio  Cely il Lun Gen 02, 2017 3:52 pm

Ciao a tutti, nuovi e vecchi utenti.
Sarà un anno che non scrivo. Sono stata malissimo, nell ultimo periodo pensavo di aver ripreso la vita in mano ma mi sbagliavo. Vorrei davvero parlare con qualcuno, ma non ho nessuno. I miei non capiscono. Amici non ne ho più. Mi sono allontanata da tutti perché li percepivo come noiosi e tutt ora lo rifarei.
Sento di non avere punti fermi in questa vita. Non ho la forza per continuare fare sacrifici. Ho mollato un sacco nell ultimo anno. Sto facendo un esame ogni 3 mesi.
Non ho voglia di vivere. Non sono depressa ma solo annoiata. Nulla mi da stimoli positivi. Nulla. Datemi qualche buona ragione per vivere. Passo le giornata chiusa in una stanza semi buia, mi abbuffo di cibo e poi sto male perché non dovevo, non volevo. Poi ci penso e dico, ma a cosa serve essere così magra e prendersela per del cibo in più? Fumo in maniera compulsiva e mangio, guardo serie TV che a tratti nemmeno seguo. Passo ore a fissare il vuoto. Ho sempre mal di testa, sempre nausea, sempre capogiri. La vista è annebbiata e mi chiedo a cosa serva tutto ciò. Vorrei che tutto questo finisse. Vorrei avere qualcosa che mi dia voglia di vivere. Ma cosa? Sono come una macchina con un buon motore,nma manca la benzina, e la benzina non so da dove prenderla. Quando ero piccola andava pure bene. Chiudersi in bagno a piangere e a non far niente perché tanto nessuno ti fa sentire inutile. Al limite vai solo male a scuola. Ma chissenefrega. I voti passano, quelle facce non le vedi più. Ma a 24 anni devi fare qualcosa. Devi farti una vita. Non puoi giocare a carte online fino alla morte, non puoi stare a letto con il mal di testa. Ogni tanto vedo la realtà attorno a me fluttuare, sento coscienza e corpo dissociarsi.
Sono solo stufa di fare sacrifici fini a se stessi senza avere una botta di vita ogni tanto. Sento che tutto mi sta sfuggendo di mano. Mi sento male dentro e fuori. Non mi sento parte di niente. Non ho obiettivi. Vedo tutto così inutile.

Cely

Messaggi : 752
Data d'iscrizione : 20.09.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sono tornata

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum