Presentazione

Andare in basso

Re: Presentazione

Messaggio  Bollicino il Lun Mag 07, 2018 3:38 am

Ciao, spero tu stia meglio,,avete tentato un'altra convivenza? Posso chiederti che farmaco prendi? Sarebbe utile saperlo. Grazie!

Bollicino

Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 07.05.18

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Presentazione

Messaggio  Dilloallaluna il Ven Dic 08, 2017 10:02 pm

Buonasera,

sono una donna di circa 30 anni, laureanda in psicologia con un franco disturbo di personalità  borderline diagnosticato ormai da più di quindici anni (bulimia, autolesionismo, uso di sostanze, sesso promiscuo..). Attualmente in terapia farmacologica ed inserita in una relazione terapeutica stabile.
Da circa 10 anni vivo una storia d’amore instabile che cresce di giorno in giorno, un amore, un amore in linea di massima funzionale ai nostri mali... Io sono in cura e lui ha una psicopatologia non diagnostica ed ovviamente non trattata.
Non posso aiutarlo, non mi ascolta. Non so parlargli, vivo di pancia e lui di sguardi a me negati.
Dopo pochi mesi di conoscenza abbiamo deciso di intraprendere un’avventura condivisa. Un appartamento. Purtroppo, si è rivelato un inferno sin dal principio… una casa che non sentivo mia, piangevo sul balcone, piangevo a terra sul pavimento freddo,le mie oscillazioni su qualsiasi punto della vita messe in discussione della sua fermezza, a tratti cinica e a tratti disforica. Non stavo bene, ancora una volta.Mi odiavo. Lo odiavo/amavo. In seguito, a causa dello dolore accumulato, ho sperimentato un episodio psicotico, allucinazioni e deliri di persecuzione, ne sono uscita tramite le dovute terapie e la presa di distanza da quella casa e dal mio uomo. Via..
Non abbiamo mai smesso di amarci, di cercarci, di volerci,
ma lui non ha mai compreso il mio stato emotivo,la mia fragilità cosicché ha iniziato a “punirmi”, a darmi sempre meno in termini di attenzione e presenza. Di tenerezza.
Qualche giorno fa, dopo anni di silenzio, reticenza, mutacismo su quello che ci accadeva, ho aperto la mia bocca per comunicarglielo, per informarlo che sapevo, sentivo la sua delusione e ne soffrivo gravemente.

Ora sono a casa,in preda ad un aggiustamento del dosaggio farmacologico (ho l’ansia alle stelle) e lo attendo per parlare di una nuova casa .....


Buona serata e grazie di avermi letto.
avatar
Dilloallaluna

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 08.12.17

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum