Borderline o no, c'è qualcosa che non va

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Borderline o no, c'è qualcosa che non va

Messaggio  Malvina il Sab Ago 12, 2017 6:05 pm

Ciao Ale, quello che descrivi non è sufficiente a classificati come borderline, dovresti parlarne con uno psicologo e anche fare qualche analisi generale e ormonale per escludere altre cause. In ogni caso qualche seduta di psicoterapia credo ti farebbe bene.

Malvina

Messaggi : 141
Data d'iscrizione : 09.05.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Borderline o no, c'è qualcosa che non va

Messaggio  Ale1994G il Sab Ago 12, 2017 1:24 pm

Ho 22 anni e ormai sono arrivata ad avere paura di me stessa.
Ho paura della mia incostanza, del fatto che mi accorgo di avere una visione distorta del mondo e di me stessa. Ho paura: l'idea di vivere su queste montagne russe di emozioni, per sempre, mi sconforta.
Passo da 0 a 100 nel giro di un momento. Un secondo prima sto bene, mi piaccio, sono rilassata, mi sento normale, piuttosto energica...poi un pensiero di qualche sorta, il più piccolo, insignificante, si infiltra tra gli altri e la sento: sento la crisi che arriva. La sento ma non posso fermarla e quella mi trascina giù, come un'onda anomala.
Allora improvvisamente mi sento triste, vuota, sbagliata. Mi assale l'ansia, poi i sensi di colpa per cose che per gli altri sono forse banali o comunque trascurabili. Inizio a rimurginare sui miei presunti errori (che sia una parola detta fuori posto il giorno prima a qualcuno, che sia un sms a mio avviso non perfettamente adatto, che sia una frase "strana" detta da un'amica, che nella mia testa significa che c'è qualcosa che non va, per colpa mia...). Mi rendo conto che, cercare continuamente conferme nel prossimo, è sbagliato e allora me lo tengo dentro e aspetto che passi.
Ma a volte ci mette pochi minuti, altre volte ore. Ci sono volte che la crisi dura per ore, mi lascia in pace una mezz'ora e subito dopo ne arriva un'altra.
Ho paura, come dicevo; persino che qualcuno si accorga di questa mia anomalia. Mi isolo. Cerco il minor contatto possibile con il prossimo, per evitare che trapeli qualcosa. Ma siamo animali sociali e devo per forza avere a che fare con la gente. Quando succede mi irrigidisco, scatto sulla difensiva, attacco (anche se in maniera velata) senza motivo. Me ne accorgo, ma non saprei in che altro modo comunicare, perchè nella mia testa ormai è accesa la spia rossa di "pericolo".
Mi fa rabbia tutto questo: penso di essere una ragazza con tutto sommato del potenziale. Sono carina, molto sensibile, discretamente sveglia...ma questo mio percepire distorto me stessa e gli altri, mi limita e rallenta.
Provo razionalmente a calmarmi, a dirmi che non sono perfetta, che nessuno lo è. Che è ok se sbaglio qualche volta e che non esiste quel maledetto bianco e nero di cui tanto si parla. Che io non sono ne 100% perfezione nè 100% schifo... che se non vado bene a tutti non è la fine del mondo...ma la crisi non passa, quel senso di colpa, rabbia, inadeguatezza, angoscia... rimane lì.
Improvvisamente però, così com'è venuto, tutto passa ed io sto bene. Che cosa darei per sentirmi sempre così. Non intendo felice o chissà cosa...semplicemente tranquilla ed in equilibrio.
Quando lo sono, mi piaccio. So essere simpatica, gentile e creativa.
Non è facile spiegare cosa scatta nella mia mente, quando poi sto male. E' come un turbine di pensieri distruttivi.

Qualcuno di voi, sa darmi dei consigli su come gestire i momenti no? Qualche esercizio mentale in grado, piano piano, di "rimettermi apposto", anche solo un pochino?

Ale1994G

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 12.08.17

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum