15 anni con una borderline

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: 15 anni con una borderline

Messaggio  Maxx il Mer Giu 14, 2017 1:49 am

Cara Dianaz, c'ho messo un pˇ a rispondere, perche il tuo messaggio mi ha fatto pensare parecchio. áDevo ammettere che si, una certa dipendenza c'Ú stata, ma non una dipendenza alle sue "problematiche", bensi una dipendenza ad un sentimento fortissimo che mi legava a lei. Purtroppo, sono cosciente del fatto che lei nonostante tutto, Ú ancora detentrice del mio cuore, sul quale non ho alcun controllo. Sono stato io a troncare la relazione, e sono sicuro di aver fatto la cosa giusta, ho scelto di ignorare i miei sentimenti e di seguire la ragione, ma Ú come seguire una specie di dieta per il cuore: amo una persona che ho deciso di tagliare fuori dalla mia vita. ╔ come sciegliere di non mangiare piu il tuo cibo preferito. A distanza di 2 anni dal nostro ultimo incontro, mi ritrovo che quando dormo sogno di essere con lei (2-3 volte alla settimana), non perche vorrei tornare indietro, ma perche nella mia testa avevo deciso che sarei invecchiato con questa persona, quando ancora la mia eta' iniziava con un 2.
Mi rendo conto di essere patetico, ma non posso farci nulla. Preferirei di gran lunga riuscire a frequentare altre donne, ma la verita' Ú che proprio non mi interessa. Ci ho provato, ma con pessimi risultati. Sono sempre stato una persona a cui piaceva la compagnia, amici, andare fuori... Forse un giorno riusciro' a riprendere le redini della mia vita e rimettermi in carreggiata, ma per ora non mi sento pronto.
Mi piace avere la possibilita di poterne parlare in forma cosÝ anonima, posso prendermi il lusso di dire la verita' senza dovermi preoccupare di "dopo".
Un abbraccio a tutti, a prescindere da quale parte della barricata state.

Maxx

Messaggi : 3
Data d'iscrizione : 29.05.17

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: 15 anni con una borderline

Messaggio  Dianaz il Mar Giu 06, 2017 10:12 pm

Caro Max ho letto il tuo primo post e non ho avuto tempo di leggere commenti o altri tuoi post. Voglio dirti per˛ che per quanto sia dura, la vita ti pu˛ offrire ancora molto a questa etÓ come a tutte in fondo. Anch'io ho avuto una lunga relazione con un border, certo non con esiti disastrosi come la tua.
Bisogna soprattutto domandarsi perchÚ abbiamo accettato certe situazioni e non esitare a richiedere un aiuto professionale oltre che pareri spassionati a familiari e veri amici. Mi rendo conto oggi che gli amici e le amiche che vedo in relazioni sane sono persone che non avrebbero mai fatto l'errore di transigere su assurditÓ rilevate in fase iniziale della relazione. E' una cosa che ho osservato bene. Si parla di co-dipendenza, nel mio caso non credo di essere arrivata a tanto, infatti non ho mai convissuto col mio partner border e lo ho lasciato anche se dopo vari tira e molla. Se nel tuo caso si Ŕ trattato di co-dipendenza puoi farti aiutare da un esperto e capire come tutelarti in futuro. Certo hai un percorso dolorosissimo alle spalle, ma ora pensa prima di tutto a volerti bene. Coraggio e guarda avanti

Dianaz

Messaggi : 56
Data d'iscrizione : 16.03.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Non ce la faccio pi¨. ..

Messaggio  Fog84 il Gio Giu 01, 2017 10:39 pm

Buonasera,
Ecco gli sviluppi della mia situazione...la denuncia per maltrattamenti si Ŕ trasformata in una bella relazione degli assistenti sociali (manipolati alla perfezione, i quali l hanno pure aiutata nel trasloco autorizzandoil personale Caritas a portare via tutto, persino la mia biancheria intima) dove sostengono che, oltre a maltrattare la donna che amo/amavo e le mie figlie per le quali non avrei esitato un istante a porre fine alla mia vita , sono pure un ubriacone...ed in pi¨ invitano il tribunale dei minori a sospendere gli incontri con le bambine e togliermi la potestÓ genitoriale...addirittura la bimba pi¨ grande Ŕ riuscita a manipolare...ogni volta che telefono sento bisbigliare "mamma devo registrare?"...in pi¨ sono venuto a sapere che prima che mi lasciasse la bimba grande giÓ registrava le discussioni...ed io discutevo solo dopo essere stato umiliato e offeso pesantemente con parole tipo fallito frocio pezzente...quando in realtÓ ho sempre portato a casa io una bella pagnotta...ovviamente mi ha lasciato per quello che ho detto dopo coltello puntato alla gola, gesto suo di tagliarsi le vene, e chiamata ai carabinieri....no sto impazzendo, no non lo farei pi¨ subire e poi scusarmi io, davvero ed Ŕ brutto dirlo, maledico il giorno in cui l ho incontrata.....ovviamente due secondi prima che sbottasse eravamo mano nella mano e parlava di quanto io fossi in gamba....
Ma ho la sensazione che ancora tornerei indietro e mi maledico per questo...terapia, psicologa, lexotan....niente mi allieva il fiume di pensieri, di bei ricordi e delle umiliazioni...tutto si accavalla...e non ce la faccio davvero pi¨.
Bastaaaaaaaaaaaa

Fog84

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 11.05.17

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: 15 anni con una borderline

Messaggio  Maxx il Mer Mag 31, 2017 9:59 pm

Ciao Malvina,
grazie per aver trovato il tempo per rispondere.
Procediamo con ordine... La diagnosi c'Ú ástata, anche se non so chi sia stato ad effettuarla; ho sempre saputo che c'era qualcosa di "particolare" in lei (non saprei quale altra parola adoperare) ed ho passato anni a dirle che doveva trovare tempo e voglia di farsi una bella chiacchierata con un professionista, ma lei mi ha sempre liquidato con un "guarda che non sono mica matta". Quando mi comunicˇ della seconda gravidanza misi in chiaro che prima ancora di pensare ad un ritorno assieme esigevo che questa cosa fosse fatta. Fu allora che per la prima volta ebbi un nome per definire cosa stava succedendo. Prima di allora borderline era per me un termine che identificava un qualcosa di non ben definito, ora mi sono documentato ed ho letto un sacco di articoli al riguardo, mi sono ritrovato a leggere di cose che conoscevo fin troppo bene.

Il figlio Ú stato riconosciuto alla nascita, e si, Ú mio figlio a tutti gli effetti. Sono cosciente del fatto che se intentassi una causa potrei avere buone possibilitß di ottenerne l'affidamento ma... Non Ú la maniera in cui voglio fare le cose io. Se sciegliessi questa strada lo strapperei a sua madre ed io non ho il cuore per farlo. Vorrei che lui mi sciegliesse, se non come tutore, anche solo come persona che ha deciso di vedere. Se lui mi facesse vedere anche un minimo di qualunque cosa, sarei pronto a fare guerra a tutto il mondo per lui. Purtroppo ancora prima di partire per l' italia aveva deciso di chiudermi fuori, non rispondeva ai miei messaggi, pur visualizzandoli, e mi rispondeva con si-no al telefono, prima di bloccarmi.
Non so se riesci a capire cio che intendo, ma credo che agendo via un giudice mi tirerei addosso le sue ire. Non voglio essere la punizione che una terza persona gli sentenzia. Io vorrei veramente tanto che lui fosse con me, ma alla base ci DEVE essere la sua volonta di essere con me. Anch'io sono figlio di divorziati, a 12 anni andai a vivere con mio padre perche lo volevo io, fosse stata un' imposizione sarebbe stato differente.

Considerando che lei non ha mai manifestato determinati lati del suo carattere nei suoi confronti, ma solo con me ed occasionalmente piccoli episodi con lo "sfigato di turno" che l'ha eventualmente presa di punta, pensando lei fosse solo una giovane donna qualunque (sorpresa!!), non credo mio figlio sia in pericolo con sua madre.

Per quello che riguarda me, non sto vedendo uno psicologo, dopo un lungo periodo di depressione ho finalmente trovato lavoro, e sto lentamente uscendo dal mio guscio. Il non aver nessun amico in zona non aiuta di certo, ma sono fiducioso del fatto che le cose stiano andando lentamente meglio. Ad ogni modo non ho voglia di cercare una nuova partner, non mi sento ancora pronto. Per quanto riguarda certe esigenze...le donne "normali" sono troppo noiose a letto, quindi per dirla in maniera comprensibile ad un borderline o chi li conosce: my way or the highway! (a modo mio o niente) Scusa la facile ironia, era senza cattiveria.

Un saluto,
Max

Maxx

Messaggi : 3
Data d'iscrizione : 29.05.17

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: 15 anni con una borderline

Messaggio  Malvina il Mer Mag 31, 2017 3:26 pm

Benvenuto Max.
Che dire di fronte a una vita devastata da eventi di questo genere...mi dispiace tanto. Ma lei ha una diagnosi di borderline o Ŕ una tua supposizione?
E' comprensibile che tu ti senta a pezzi, ma di solito si inizia a sentirsi meglio quando non si subiscono passivamente gli eventi ma si riesce ad attivarsi in qualche modo...perci˛ mi permetto di dirti quello che segue, scusami se sono cose che giÓ sai.

Non ho capito se il figlio pi¨ grande Ŕ stato riconosciuto da te...in questo caso Ŕ tuo figlio a tutti gli effetti e non pu˛ portartelo via cosý e sparire, Ŕ sequestro di persona e in un eventuale processo Ŕ un motivo valido perchÚ ti venga affidato. Naturalmente puoi rivolgerti alla polizia per rintracciarli ma diciamo che le scomparse di questo genere all'estero purtroppo non sono la loro prioritÓ e molti casi vengono risolti da "consulenti esterni", ovvero investigatori privati ingaggiati dai parenti. Loro sono molto bravi in queste cose, anche in zone del mondo un po' critiche. Se hai un po' di disponibilitÓ economica puoi prenderlo in considerazione.
Se invece non lo hai riconosciuto e vuoi riconoscerlo per poi magari discutere dell'affido ti serve il test di paternitÓ. Quello utilizzabile legalmente deve richiederlo il giudice (quindi devi iniziare una causa di riconoscimento) e si fa solo in certi laboratori convenzionati. Non hai molto tempo perchÚ quando il ragazzo compirÓ 14 anni sarÓ necessario anche il suo assenso, e se la madre gli ha fatto il lavaggio del cervello Ŕ probabile che rifiuti, avresti cosý perso per sempre questa opportunitÓ. Prima di intraprendere un'azione del genere che pu˛ destabilizzare ulteriormente il ragazzo puoi per˛ fargli prelevare un campione a sua insaputa per essere certo di procedere...in veritÓ non si potrebbe fare ma se ti rivolgi al personale specializzato di cui sopra possono riuscirci senza dare nell'occhio.
Ma anche se non Ŕ tuo figlio biologico Ŕ pur sempre tuo figlio in senso psicologico/emotivo...se tu non ti fai vivo magari pu˛ pensare che lo hai abbandonato e non te ne importa pi¨ niente di lui, aspettare che diventi adulto e sopravviva a decenni di lavaggi di cervello mi pare una prospettiva incerta e troppo a lungo termine...Se tu lo rintracciassi potresti almeno parlargli di persona o fargli recapitare una lettera in cui cerchi di spiegare tutto. Non Ŕ detto che funzioni ma almeno ci avresti provato.
Lo stesso per l'altro figlio, io credo che sia sempre meglio sapere e togliersi il dubbio piuttosto che macerarsi per tutta la vita. Poi potrai valutare tu come procedere.
Per quanto riguarda te non so se sei seguito da uno psicologo o altra persona che ti possa fornire sostegno...te lo consiglio vivamente, e ti auguro il meglio.

Malvina

Messaggi : 141
Data d'iscrizione : 09.05.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

15 anni con una borderline

Messaggio  Maxx il Mar Mag 30, 2017 12:00 am

Salve a tutti,
mi chiamo Max e ho buttato via la mia vita poiche sono stato follemente innamorato (e lo sono ancora) di una donna affetta da borderline.
Quando ci siamo conosciuti, lei aveva 18 anni, io 26. Aveva tutto cio che cercavo in una donna; schietta, diretta, con il mio senso dell'umorismo (con tanti doppi sensi) e a completare il quadro un aspetto fisico da 10 e lode. Per lei ho lasciato la mia partner dell'epoca, una storia di 7 anni, e mi sono buttato dietro al cuore. Entro una settimana viveva con me, abbiamo passato mesi senza mai accendere la tele una volta...parlavamo ore ed ore, scambiandoci le nostre esperienze di vita (mi resi conto solo molto piu tardi che in realta lei mi raccontava piccolezze ed io le mie cose piu intime, che divennero un arma nelle sue mani anni dopo). La nostra vita sessuale era a dir poco eccezionale, la dedizione che lei aveva per questo aspetto della vita di coppia... decisamente il sesso piu sfrenato e disinibito conosciuti all'uomo.
i primi 8-9 mesi furono semplicemente il momento piu felice della mia vita.

Quando cominciarono i litigi, con vere e proprie sfuriate d'ira da parte sua, anziche un campanello d'allarme risuno in me la voglia di aiutare questa ragazza che , cosi sfortunata nella vita, aveva incontrato nel suo cammino solo persone che l'avevano trattata malissimo. O almeno cosi' mi aveva raccontato.
Dopo una sfuriata, a volte lei spariva per un giorno o due, diceva di andare dalla sorella, ed io non ho mai avuto ragione di dubitare di lei. Povero scemo. All'epoca vivevamo in olanda (lei Ú olandese) e dopo circa due anni ci trasferimmo in italia. Li comincio la vera odissea.

Io lavoravo come barman in una zona turistica, in stagione spesso 12-15 ore al giorno, ma lo facevo per noi, non mi pesava. Lei che non parlava l'italiano rimase a casa, ma non era grave, guadagnavo molto bene.
Il nostro vicino di casa parlava l'inglese, e non lo vidi come una minaccia, aveva 40 anni, ed un passato da tossico (non proprio solo passato) che nella mia mente dovevano tagliarlo fuori dall essere appetibile ai suoi occhi. Lei comincio a frequentarlo, ci lasciammo ed alcune settimane dopo mi telefono' dicendomi che aveva commesso un errore, che sarebbe tornata in olanda e che era incinta. Forse era mio.
La cosa mi colpii come un pugno nello stomaco, ma ero cosi innamorato che decisi che 1: volevo riprovarci con lei, 2: per fare cio l'avrei seguita in olanda, eliminando x sempre il vicino di casa dall'equazione.
Era successo anche a me di tradire la mia lei in precedenti relazioni, dopo un chiaro discorso durato ore, decidemmo di ritentare. Mesi dopo, il giorno del parto, ebbi una doccia fredda, mio figlio assomigliava tantissimo al mio ex vicino di casa, quel giorno decisi che avrei fatto "la cosa giusta" e promisi a me stesso e all'innocente neonato che lo avrei amato e mi sarei preso cura di lui come se fosse stato mio.
E' facile a dirsi, ma mi ci vollero mesi per riuscire ad accettare una cosa cosi. Ma ci riuscii, eravamo una famigliola felice.
Ciclicamente lei aveva momenti in cui non faceva altro che cercare una ragione per litigare, la primavera e i primi mesi dell'estate, ma nel complesso si andava avanti

Col tempo lei diventˇ sempre piu violenta nelle sue esternazioni d'ira, fino a rasentare il livello dello scaricatore di porto che chiaramente lei non era. Venivo costantemente accusato di essere alla ricerca di qualcun altro, che un giorno l'avrei lasciata per tornare con la mia ex (una vera e propria ossessione per la mia ex, nonostante il fatto che non ci sentivamo da anni, da quando ci eravamo lasciati).
Dopo anni di questa vita, decido che cio che una volta era il mio motivo per tollerare tutto cio, non esiste piu, ci lasciammo una seconda volta.
Esco cosi dalla nostra casa per andare a vivere in un appartamentino, non troppo lontano, per poter mantenere il mio ruolo di padre, K. ha 9 anni ed Ú un bambino eccezionale. Lo amo con tutto il cuore.
Dopo alcuni mesi, una notte compare lei alla mia porta, nuda sotto un cappottone invernale, ed io da vero uomo coerente con le proprie decisioni....l'ho fatta entrare.
Abbiamo piano piano ripreso a frequentarci, questa volta con una differenza: sarei rimasto li, nel mio appartamento, forse non essere costretti ad essere assieme giorno e notte era una bella idea, amanti anziche una coppia, fin quando un giorno mi arriva una foto via Whatsapp: un test di gravidanza positivo. Ho cercato di farle capire che data la natura del nostro rapporto forse non era il momento adatto, lei decise che avrebbe portato la gravidanza a termine con o senza di me. Stavo valutando in quei giorni se fare un ultimo tentativo, quando scopro di avere contratto la clamidia, e, forte del fatto che in piu di 10 anni non avevo avuto rapporti con nessun altra, rimaneva solo un opzione.
Ne parlo con un amico(sposato), il quale in lacrime mi confessa di aver avuto qualcosa con lei negli ultimi mesi, e di sapere per certo che ce n'erano almeno altri 3 o 4. Vengo cosi a scoprire un giro di tresche assurde con colleghi, amici, sconosciuti contattati su una chat... decisamente troppo per me.

Quando le comunicai che era finita al 100% e che probabilmente sarei tornato in italia (non so dirle di no, sono cosciente di questa mia debolezza nei suoi confronti e per proteggermi da lei 1500km sono una misura non esagerata) lei va fuori di testa e, morale della favola, sparisce con nostro figlio, e da allora non l'ho mai piu ne visto ne sentito. Telefono e mail sono stati cambiati entro la settimana ed io non so nemmeno dove viva. A peggiorare il tutto il semplice fatto che lui ormai 12enne conosce uno dei miei indirizzi mail a memoria, in quanto Ú il mio nome.cognome@gmail. Lei lo ha sicuramente imbottito di menzogne, tipico da parte sua Ú di rigirare le cose dicendo che io ho fatto ciˇ che invece ha fatto lei. Lui sceglie quindi di non farsi piu sentire e di tagliarmi fuori dalla sua vita. Lei era incinta e non posso sapere se Ú mio, se maschio o femmina ed un eventuale nome.

Oggi ho 43 anni, la mia vita Ú distrutta e vivo in italia. Non voglio frequentare altre persone, non mi sento pronto per una relazione, anche superficiale (ho realizzato dopo aver provato con un paio di donne) sono due anni che non ho piu loro notizie.
Prospetti per il futuro? Forse un giorno K. mi contattera', da adulto. In fin dei conti, per quanto io abbia cercato di tenerlo lontano dai nostri litigi, lei sembrava invece volerlo fare di fronte a lui, forse per irritarmi, forse perche aveva gia un piano allora. Sono sicuro che da adulto alcuni momenti saranno contraddittori con la storiella che la mammina gli ha raccontato e spero mi contatti per schiarirsi le idee.

Ringrazio tutti quelli che si sono presi il tempo per leggere questa mia "confessione" che non ho raccontato in tutte le sue sfaccettature per motivi di spazio, 15 anni di vita con una borderline sono molto piu intensi di quanto non ci stia su una paginetta

Max

Maxx

Messaggi : 3
Data d'iscrizione : 29.05.17

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: 15 anni con una borderline

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum