aiutatemi a capire se lui è borderline

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: aiutatemi a capire se lui è borderline

Messaggio  Malvina il Sab Dic 10, 2016 12:42 am

Sofì ha scritto:il problema grosso è stato questo che non potevo arrabbiarmi , far notare cose che per me denotavano mancanza di rispetto, il suo modo di fare, la sua aggressività mi facevano sentire in colpa, pensavo o volevo giustificare il suo modo di trattarmi sentendomi in colpa, invece si trattava di violenza io per aver aperto bocca restavo nell'inferno, restavo con la mia domanda senza risposta, trattata male e con lui che scappava, scompariva,una volta anni fa eravamo al mare, apro il suo zainetto e trovo un astuccio da donna color rosa con sopra scritto il nome di un hotel, vicino al suo locale, dentro c'era un tubetto di vasellina, gli ho chiesto spiegazione. Si è alzato dalla sdraio ed è scappato, è tornato a casa sua a piedi... la storia dell'astuccio raccontata poi da lui: era in quello zaino da anni, non ricordava come e la vasellina a casa sua si usava, la mamma la usava non ricordo per cosa.

Tutti gli esperti in genere concordano col dire che una delle cose più importanti nella coppia è il dialogo...e mi sembra che tra te e lui ce ne fosse ben poco, almeno per quanto riguarda la sfera emotiva. Ci sono coppie che vanno avanti anche senza, sai quante mogli sento che sono a conoscenza di tradimenti multipli del marito, anche omosessuali, ma non aprono bocca perché "la famiglia viene prima di tutto"?...
Il guaio è quando uno vuole parlare, o ha bisogno di sostegno emotivo, e si trova davanti un muro di gomma da parte del partner, o ancora peggio viene liquidato con accuse di essere debole, assillante, paranoide...Io credo che a quel punto anche gli aspetti positivi del compagno, come essere bravo nelle cose pratiche o divertente nei momenti spensierati, perdano di valore, se trascura continuamente i bisogni emotivi del partner, che dovrebbero essere la cosa più importante.
Purtroppo ci sono persone così, non riesci a parlare con loro di questi argomenti, probabilmente hanno avuto un trauma infantile per comportarsi in questo modo, ma la situazione è difficilmente modificabile se non manifestano l'intenzione di fare almeno un passo nella direzione dell'altro.
Guarda, posso capirti perché in 13 anni non sono mai riuscita a fare un discorso serio su sentimenti e emozioni col mio compagno, e anche se non mi maltrattava o svalutava come il tuo uomo alla fine mi sentivo come prosciugata, mi rendevo conto che ero sempre io ad adattarmi e questa cosa non era più sostenibile.
Per la storia dell'astuccio che dirti...forse lui ha delle tendenze omosessuali o attua pratiche che non accetta pienamente nemmeno lui, figuriamoci parlarne con te...
Per esempio il mio ex, che per inciso non e' border, ha negato tutto perfino davanti al mio ritrovamento di un suo zaino pieno di sex toys di tutti i tipi, compresi dildo enormi, divaricatori anali e attrezzi per praticare il sado-maso. Ho anche le prove che è stato con delle prostitute di quel tipo che mi han raccontato per filo e per segno cosa combinavano durante gli incontri credendo di parlare con lui via mail, ma son sicura che se ne avessi parlato si sarebbe arrampicato sugli specchi raccontandomi l'ennesima balla inverosimile. E dire che sono una persona estremamente calma e tollerante che non fa mai scenate, mi sarebbe stato bene anche un discorso del tipo "ho scoperto di avere certe esigenze, ne ho bisogno e non intendo rinunciarci", sarebbe stato quantomeno più onesto. Ma non ho avuto nemmeno questo e a un certo punto non ho più potuto sopportare il continuo trascurare i miei bisogni emotivi ed espressivi, mi dicevo "la vita è breve, è davvero questo il massimo a cui posso aspirare?"
Credo che questo tipo di consapevolezza sia maturato anche in te, certo i primi tempi sarà dura, ma magari poi la vivrai come una liberazione. Auguroni

Malvina

Messaggi : 140
Data d'iscrizione : 09.05.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: aiutatemi a capire se lui è borderline

Messaggio  Sofì il Ven Dic 09, 2016 8:43 pm

Sofì ha scritto:
Dianaz ha scritto:Cara Sofi, non sono una psicologa, ma semplicemente -come molti qui - una persona che ha avuto un partner border. Da quel che dici non vedo tratti border nell'uomo che descrivi, di fondo i border sono molto fragili e manifestano strane dinamiche in situazioni di tensione. Scappano, quando si arrabbiano, ma perché si sentono feriti e non sanno gestire la situazione; ti "odiano" in quel momento, in fondo perché ti sentono superiore, perché li metti in scacco con una critica o un rimprovero. Non sanno reggerlo, perché il loro ego dall'apparenza smisurata è in realtà fragile come la superficie di una bolla di sapone. Per questo persone forti e intelligenti ci cascano, sbagliando e facendosi male alla fine, perché in fondo vedono oltre e percepiscono il loro lato delicato.
Quando dici del tuo uomo che se ne va, mi sembra lo faccia per altro motivo, per un senso di superiorità e arroganza, punto. Perché non è abituato ad ascoltare nessuno.
Scusa la franchezza, ma questo tipo mi sembra solo un grandissimo cafone, un egoista preoccupato esclusivamente dei suoi affari, che ti tiene parcheggiata lì, forse pure per celare al mondo una identità sessuale incerta.
I border hanno una loro dolcezza, il loro problema è che non sanno gestire la relazione in maniera sana, a loro stesso danno.
Non mi sembra sia il suo caso. Ti ripeto non sono una psicologa, ma studio da anni la questione, ne ho esperienza personale e mi confronto qui da molto tempo.
Dopo una lite il border ti ricerca, magari con ostentata indifferenza, ma tra le righe capisci che c'è stato male pure lui e che ha paura anzi terrore ti perderti oppure aspetta che ti rifaccia viva tu, mostra sprezzo quando lo chiami, ma in fondo capisci che non aspettava altro. E' che non sa gestire se stesso. E pure questo è un grosso problema, ma ben diverso, direi, da quello che descrivi.
Quanti anni hai? forse mi è sfuggito. Comunque, dammi retta, lascia perdere. Tutti abbiamo diritto al rispetto, a parte gli scatti, che magari un border può anche provare a curare, questo tipo mi sembra un soggetto da film sui bassifondi! Una specie di bulletto maschilista. Sì, magari ti senti protetta, ma mi sembra ti protegga come lo si fa con una cosa. Non ci sono vite di scorta.
Dacci se vuoi altri dettagli. Intanto pianifica la fuga.
Un caro saluto


Grazie per la risposta, leggendo vedo lui anche nella prima parte che hai scritto, anche se in forma molto più leggera nel senso che quando sono tornata tra le righe gli faceva piacere, diceva, comunque che senza di me era stato bene, non meglio ma normale, altre diceva che lo stressavo che ero paranoica. Anche la seconda parte è vera, molto vera.

non siamo ragazzini, lui 52, io 57.



Sofì

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 08.12.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: aiutatemi a capire se lui è borderline

Messaggio  Sofì il Ven Dic 09, 2016 8:34 pm

Malvina ha scritto:Ciao Sofi, nemmeno io sono una specialista ma avendo studiato il disturbo non mi sembra che quello che descrivi sia il classico quadro borderline , al limite alcuni tratti si possono ricondurre al narcisismo. Più genericamente mi pare che tu stia parlando di una persona piuttosto anaffettiva, prevaricatrice e svalutante, magari pure incerta sulla sua sessualità. La domanda che ti dovresti fare è come mai hai mandato avanti una relazione così insoddisfacente per tanto tempo...potresti cercare di chiarire questo aspetto anche con uno psicologo.
Intanto quando ti prende quella sensazione allo stomaco puoi provare questo esercizio: a digiuno e in posizione eretta toccati con le dita il fondo della gola come a provocarti il riflesso del vomito, ma in modo più delicato (senza il suono forte provocato dalla glottide quando si chiude completamente), ripeti diverse volte finché ti senti meglio; forse questo ti potrà  aiutare.

Sofì

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 08.12.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: aiutatemi a capire se lui è borderline

Messaggio  Sofì il Ven Dic 09, 2016 8:30 pm

Malvina ha scritto:Ciao Sofi, nemmeno io sono una specialista ma avendo studiato il disturbo non mi sembra che quello che descrivi sia il classico quadro borderline , al limite alcuni tratti si possono ricondurre al narcisismo. Più genericamente mi pare che tu stia parlando di una persona piuttosto anaffettiva, prevaricatrice e svalutante, magari pure incerta sulla sua sessualità. La domanda che ti dovresti fare è come mai hai mandato avanti una relazione così insoddisfacente per tanto tempo...potresti cercare di chiarire questo aspetto anche con uno psicologo.
Intanto quando ti prende quella sensazione allo stomaco puoi provare questo esercizio: a digiuno e in posizione eretta toccati con le dita il fondo della gola come a provocarti il riflesso del vomito, ma in modo più delicato (senza il suono forte provocato dalla glottide quando si chiude completamente), ripeti diverse volte finché ti senti meglio; forse questo ti potrà  aiutare.


Grazie per la risposta, gli aspetti positivi: generoso, sapeva fare tante cose: lavori maschili in casa, viaggi, vacanze spensierate d'estate, questa estate nulla, il problema grosso è stato questo che non potevo arrabbiarmi , far notare cose che per me denotavano mancanza di rispetto, il suo modo di fare, la sua aggressività mi facevano sentire in colpa, pensavo o volevo giustificare il suo modo di trattarmi sentendomi in colpa, invece si trattava di violenza io per aver aperto bocca restavo nell'inferno, restavo con la mia domanda senza risposta, trattata male e con lui che scappava, scompariva,una volta anni fa eravamo al mare, apro il suo zainetto e trovo un astuccio da donna color rosa con sopra scritto il nome di un hotel, vicino al suo locale, dentro c'era un tubetto di vasellina, gli ho chiesto spiegazione. Si è alzato dalla sdraio ed è scappato, è tornato a casa sua a piedi, 15 km. Il meccanismo sempre uguale, io rimanevo massacrata, con i miei dubbi, con sensi di colpa e con l'anestesia ai centri nervosi ero terrorizzata nel sentire questa situazione dentro di me per questo tornavo, alla fine mi sono resa conto che non potevo lasciarlo, allora ho cercato di difendermi non andavo più al suo locale... insomma mi sono distaccata un bel po' , insomma siamo arrivati all'ultimo episodio. Oggi è il suo compleanno non gli ho mandato gli auguri e forse ne sono uscita fuori perchè non sento la morte dentro, certo ho momenti di tristezza di dolore ma mi sembra che rientrano uin un quadro normale,non pensavo arrivassi a tanto. Ha contribuito anche una frse illuminante che mi ha detto la mia dottoressa, quella di famiglia. Le ho parlato di come mi sentivo ogni volta , veramente angosciata pensando a cosa mi sarebbe successo quando abbiamo litigato sono andata da lei dicendole che avevo paura ad affrontare il mio mostro interno. Mi ha spiegato che era normale , di fronte al dolore, alla grande ferita il corpo si anestetizza da solo, non preoccuparti passerà. Sentire che ciò che provavo dipendeva dalla ferita enorme alla mia anima è stata una benedizione. Abbiamo litigato il 30 ottobre e io non sento la morte dentro. Ah la storia dell'astuccio raccontata poi da lui: era in quello zaino da anni, non ricordava come e la vasellina a casa sua si usava, la mamma la usava non ricordo per cosa.

Sofì

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 08.12.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: aiutatemi a capire se lui è borderline

Messaggio  Sofì il Ven Dic 09, 2016 8:08 pm

Dianaz ha scritto:Cara Sofi, non sono una psicologa, ma semplicemente -come molti qui - una persona che ha avuto un partner border. Da quel che dici non vedo tratti border nell'uomo che descrivi, di fondo i border sono molto fragili e manifestano strane dinamiche in situazioni di tensione. Scappano, quando si arrabbiano, ma perché si sentono feriti e non sanno gestire la situazione; ti "odiano" in quel momento, in fondo perché ti sentono superiore, perché li metti in scacco con una critica o un rimprovero. Non sanno reggerlo, perché il loro ego dall'apparenza smisurata è in realtà fragile come la superficie di una bolla di sapone. Per questo persone forti e intelligenti ci cascano, sbagliando e facendosi male alla fine, perché in fondo vedono oltre e percepiscono il loro lato delicato.
Quando dici del tuo uomo che se ne va, mi sembra lo faccia per altro motivo, per un senso di superiorità e arroganza, punto. Perché non è abituato ad ascoltare nessuno.
Scusa la franchezza, ma questo tipo mi sembra solo un grandissimo cafone, un egoista preoccupato esclusivamente dei suoi affari, che ti tiene parcheggiata lì, forse pure per celare al mondo una identità sessuale incerta.
I border hanno una loro dolcezza, il loro problema è che non sanno gestire la relazione in maniera sana, a loro stesso danno.
Non mi sembra sia il suo caso. Ti ripeto non sono una psicologa, ma studio da anni la questione, ne ho esperienza personale e mi confronto qui da molto tempo.
Dopo una lite il border ti ricerca, magari con ostentata indifferenza, ma tra le righe capisci che c'è stato male pure lui e che ha paura anzi terrore ti perderti oppure aspetta che ti rifaccia viva tu, mostra sprezzo quando lo chiami, ma in fondo capisci che non aspettava altro. E' che non sa gestire se stesso. E pure questo è un grosso problema, ma ben diverso, direi, da quello che descrivi.
Quanti anni hai? forse mi è sfuggito. Comunque, dammi retta, lascia perdere. Tutti abbiamo diritto al rispetto, a parte gli scatti, che magari un border può anche provare a curare, questo tipo mi sembra un soggetto da film sui bassifondi! Una specie di bulletto maschilista. Sì, magari ti senti protetta, ma mi sembra ti protegga come lo si fa con una cosa. Non ci sono vite di scorta.
Dacci se vuoi altri dettagli. Intanto pianifica la fuga.
Un caro saluto


Grazie per la risposta, leggendo vedo lui anche nella prima parte che hai scritto, anche se in forma molto più leggera nel senso che quando sono tornata tra le righe gli faceva piacere, diceva, comunque che senza di me era stato bene, non meglio ma normale, altre diceva che lo stressavo che ero paranoica. Anche la seconda parte è vera, molto vera.



Sofì

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 08.12.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: aiutatemi a capire se lui è borderline

Messaggio  Malvina il Ven Dic 09, 2016 7:38 pm

Ciao Sofi, nemmeno io sono una specialista ma avendo studiato il disturbo non mi sembra che quello che descrivi sia il classico quadro borderline , al limite alcuni tratti si possono ricondurre al narcisismo. Più genericamente mi pare che tu stia parlando di una persona piuttosto anaffettiva, prevaricatrice e svalutante, magari pure incerta sulla sua sessualità. La domanda che ti dovresti fare è come mai hai mandato avanti una relazione così insoddisfacente per tanto tempo...potresti cercare di chiarire questo aspetto anche con uno psicologo.
Intanto quando ti prende quella sensazione allo stomaco puoi provare questo esercizio: a digiuno e in posizione eretta toccati con le dita il fondo della gola come a provocarti il riflesso del vomito, ma in modo più delicato (senza il suono forte provocato dalla glottide quando si chiude completamente), ripeti diverse volte finché ti senti meglio; forse questo ti potrà aiutare.

Malvina

Messaggi : 140
Data d'iscrizione : 09.05.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: aiutatemi a capire se lui è borderline

Messaggio  Dianaz il Ven Dic 09, 2016 8:52 am

Vorrei aggiungere: stiamo attenti/e da non border a non voler attribuire a tutti i costi uno stato di patologia o di disturbo di personalità a chi non lo presenta. Rischiamo di farlo per giustificare in qualche modo soggetti discutibili punto e basta, uomini e donne egoisti per natura o semplicemente non realmente innamorati del partner o gran maleducati in amore e non soltanto. I border dei quali parliamo qui o hanno una diagnosi di uno specialista che li riconosce come tali o presentano una tale quantità di aspetti tipici del border da far ritenere che siano tali praticamente con certezza. Spesso i border diagnosticati attivi nel sito sono la migliore fonte di aiuto perché si riconoscono nei comportamento del presunto border descritto in queste pagine dal partner non border. Anche l'uso di sostanze stupefacenti non è sufficiente a far sospettare il disturbo di personalità, nel caso dei border è piuttosto la modalità di approccio allo stupefacente o altro sballo.
Cautela Sofi, hai fatto comunque bene a scrivere e se sei proprio in difficoltà potresti sentire uno specialista

Dianaz

Messaggi : 55
Data d'iscrizione : 16.03.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: aiutatemi a capire se lui è borderline

Messaggio  Dianaz il Ven Dic 09, 2016 8:38 am

Cara Sofi, non sono una psicologa, ma semplicemente -come molti qui - una persona che ha avuto un partner border. Da quel che dici non vedo tratti border nell'uomo che descrivi, di fondo i border sono molto fragili e manifestano strane dinamiche in situazioni di tensione. Scappano, quando si arrabbiano, ma perché si sentono feriti e non sanno gestire la situazione; ti "odiano" in quel momento, in fondo perché ti sentono superiore, perché li metti in scacco con una critica o un rimprovero. Non sanno reggerlo, perché il loro ego dall'apparenza smisurata è in realtà fragile come la superficie di una bolla di sapone. Per questo persone forti e intelligenti ci cascano, sbagliando e facendosi male alla fine, perché in fondo vedono oltre e percepiscono il loro lato delicato.
Quando dici del tuo uomo che se ne va, mi sembra lo faccia per altro motivo, per un senso di superiorità e arroganza, punto. Perché non è abituato ad ascoltare nessuno.
Scusa la franchezza, ma questo tipo mi sembra solo un grandissimo cafone, un egoista preoccupato esclusivamente dei suoi affari, che ti tiene parcheggiata lì, forse pure per celare al mondo una identità sessuale incerta.
I border hanno una loro dolcezza, il loro problema è che non sanno gestire la relazione in maniera sana, a loro stesso danno.
Non mi sembra sia il suo caso. Ti ripeto non sono una psicologa, ma studio da anni la questione, ne ho esperienza personale e mi confronto qui da molto tempo.
Dopo una lite il border ti ricerca, magari con ostentata indifferenza, ma tra le righe capisci che c'è stato male pure lui e che ha paura anzi terrore ti perderti oppure aspetta che ti rifaccia viva tu, mostra sprezzo quando lo chiami, ma in fondo capisci che non aspettava altro. E' che non sa gestire se stesso. E pure questo è un grosso problema, ma ben diverso, direi, da quello che descrivi.
Quanti anni hai? forse mi è sfuggito. Comunque, dammi retta, lascia perdere. Tutti abbiamo diritto al rispetto, a parte gli scatti, che magari un border può anche provare a curare, questo tipo mi sembra un soggetto da film sui bassifondi! Una specie di bulletto maschilista. Sì, magari ti senti protetta, ma mi sembra ti protegga come lo si fa con una cosa. Non ci sono vite di scorta.
Dacci se vuoi altri dettagli. Intanto pianifica la fuga.
Un caro saluto



Dianaz

Messaggi : 55
Data d'iscrizione : 16.03.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: aiutatemi a capire se lui è borderline

Messaggio  Sofì il Gio Dic 08, 2016 2:40 pm

Sofì ha scritto:ciao a tutti quelli che passano di qua
ho avuto una lunga relazione con un uomo, 17 anni, all'interno del rapporto si è sempre fatto ciò che ha detto lui. Svolge un lavoro notturno, gestisce un pub, per cui il giorno dorme abbondantemente o non dorme o per lo meno dorme male, raramennte l'ho visto ubriaco ma molte volte fa fatica ad ascoltare discorsi, i miei, con lui ho imparato la sintesi veloce. La nostra è una convivenza estiva, sono mesi in cui io non lavoro e lui chiude il locale perchè d'estate i giovani si trasferiscono al mare, quindi pochi clienti. Lui è molto generoso ma si deve far fare ciò che dice lui se si vuole fare cose insieme, ma arrivo al punto: quando fa qualcosa che mi dispiace e apro bocca pi o meno arrabbiata lui scappa, scompare e non si fa più vedere e io puntualmente sono sempre tornata da lui perchè mi succede qualcosa di orribile all'inizio dello stomaco sento una fontanella anestetizzante che mi addormenta i centri nervosi che mi tiene a letto, ho sempre pensato di essere molto, molto fragile ecc. ecc. e allora in questi ultimi anni consapevole che non avrei mai potuto lasciarlo ho sopportato una vita fatta di niente veniva da me solo per mangiare e spesso a domire, proprio dormire. Un mese fa mi dice che va a farsi un massaggio thailandese da una signora , gli dico che mi dispiace, mi fa male pensare che una domnna tocca il suo corpo non finisco a finire la frase è già sul pianerottolo, la mattina seguente c'è il terremoto, gli telefono per svegliarlo preoccupata che forse non sente non risponde penso che ha la suoneria staccata alle 14 vedo che è collegato su faceb. penso adesso mi chiama, niente, dopo un po' vado a casa sua e per la prima volta in vita mia con tutto il fiato che ho urlo urlo sintetizzo, gli dico cose brutte , gli dico che odia le donne, che non mi rispettaecc. lui dice ciò che hai detto mi scivola addosso, mi devi lasciare in pace. Non l'ho più sentito. Nel frattempo , su faceb. ho visto che mette mi piace alle pagine porno la cosa mi ha fatto male e il motivo per cui sono rimasta ferma, questa volta. Quando mi sono lanmentata pr qualcosa lui scappa e dice che io sono pazza, psicotica. Il dolore oggi capisco sempre più è dipeso perchè noto qualcosa che mi fa male e avrei bisogno di rassicurazione e invece scappa e ciò procura ferita al mio interno e per non sentire il dolore torno e lui dice che sono pazza, e tutto poi ricomincia. Ci sono state cose molto forti da digerire  all'inizio c'era una cameriera al suo locale e quando finivano andavano in atri locali dissi che mi dispiaceva e ogni volta che lo dicevo scappava urlando, poi anni fa ha preso un ragazzo usavano un linguaggio che mi ha fatto supporre che chissà se è anche bisex, il ragazzo parlava forse troppo: i soldi venivano chiamati banane, il ragazzino gli diceva adesso ti do un bacio, sai che ho le mani delicate, una sera ho fatto capire che quel ragazzo è gay , unica volta che non si è arrabbiato e lo ha tolto ma continua a frequentare il locale e anche altri sono gay. Faceb. mette a nudo le persone e ho visto che i suoi amici , quelli che frequentano il suo locale sono o per lo meno si avvicinano su quel territorio le foto sono sempre tra maschi, fanno viaggi tra maschi e ci sono , hanno molte amiche spinte, molto spinte, lui non ha amiche di questo genere su fac. ha paura che io veda, riguardo alle pagine evidentemente è convinto che gli altri non vedano.Manipola poi in questo modo: se gli dici che qualcuno ti apprezza, ti ha lodato sul lavoro lui ti sminuisce non l'ho mai sentito dire sì è vero, dice invece ti prende in giro , sei scema se ci credi, anche se poi lui mi ammira, anche se ultimamente ha cominciato a manifestare qualcosa che ha cominciato a darmi fastidio ripeteva in continuazione e voi colti e voi che capite tutto, so che nella mia testa ci sono molte più cose, insegno e scrivo romanzi per case nazionali, ma per me non è mai stato un problema , ultimamente la cosa ha cominciato a innervosirmi. Non so se faccia uso di sostanze, una volta a capodanno mi disse che aveva cocaina feci un gran casino impedii l'assunzione disse che ne faceva uso solo a capodanno, in seguito ho ripreso l'argomento ha sempre negato, ma usa parole , espressioni che girano in quel mondo usa spesso la parola il prodotto per dire pure il detersivo, o richiamino riferito a una medicina, a un bicchiere di liquore. Mentre sto scrivendo mi vergogno di apparire così stupida, coì annebbiata, così infantile  e da bambina vi chiedo è BORDERLINE?
ho riletto quanto scriito chiedo scusa per aver scritto così male, ho buttato giù , di corsa...

Sofì

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 08.12.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

aiutatemi a capire se lui è borderline

Messaggio  Sofì il Gio Dic 08, 2016 2:33 pm

ciao a tutti quelli che passano di qua
ho avuto una lunga relazione con un uomo, 17 anni, all'interno del rapporto si è sempre fatto ciò che ha detto lui. Svolge un lavoro notturno, gestisce un pub, per cui il giorno dorme abbondantemente o non dorme o per lo meno dorme male, raramennte l'ho visto ubriaco ma molte volte fa fatica ad ascoltare discorsi, i miei, con lui ho imparato la sintesi veloce. La nostra è una convivenza estiva, sono mesi in cui io non lavoro e lui chiude il locale perchè d'estate i giovani si trasferiscono al mare, quindi pochi clienti. Lui è molto generoso ma si deve far fare ciò che dice lui se si vuole fare cose insieme, ma arrivo al punto: quando fa qualcosa che mi dispiace e apro bocca pi o meno arrabbiata lui scappa, scompare e non si fa più vedere e io puntualmente sono sempre tornata da lui perchè mi succede qualcosa di orribile all'inizio dello stomaco sento una fontanella anestetizzante che mi addormenta i centri nervosi che mi tiene a letto, ho sempre pensato di essere molto, molto fragile ecc. ecc. e allora in questi ultimi anni consapevole che non avrei mai potuto lasciarlo ho sopportato una vita fatta di niente veniva da me solo per mangiare e spesso a domire, proprio dormire. Un mese fa mi dice che va a farsi un massaggio thailandese da una signora , gli dico che mi dispiace, mi fa male pensare che una domnna tocca il suo corpo non finisco a finire la frase è già sul pianerottolo, la mattina seguente c'è il terremoto, gli telefono per svegliarlo preoccupata che forse non sente non risponde penso che ha la suoneria staccata alle 14 vedo che è collegato su faceb. penso adesso mi chiama, niente, dopo un po' vado a casa sua e per la prima volta in vita mia con tutto il fiato che ho urlo urlo sintetizzo, gli dico cose brutte , gli dico che odia le donne, che non mi rispettaecc. lui dice ciò che hai detto mi scivola addosso, mi devi lasciare in pace. Non l'ho più sentito. Nel frattempo , su faceb. ho visto che mette mi piace alle pagine porno la cosa mi ha fatto male e il motivo per cui sono rimasta ferma, questa volta. Quando mi sono lanmentata pr qualcosa lui scappa e dice che io sono pazza, psicotica. Il dolore oggi capisco sempre più è dipeso perchè noto qualcosa che mi fa male e avrei bisogno di rassicurazione e invece scappa e ciò procura ferita al mio interno e per non sentire il dolore torno e lui dice che sono pazza, e tutto poi ricomincia. Ci sono state cose molto forti da digerire all'inizio c'era una cameriera al suo locale e quando finivano andavano in atri locali dissi che mi dispiaceva e ogni volta che lo dicevo scappava urlando, poi anni fa ha preso un ragazzo usavano un linguaggio che mi ha fatto supporre che chissà se è anche bisex, il ragazzo parlava forse troppo: i soldi venivano chiamati banane, il ragazzino gli diceva adesso ti do un bacio, sai che ho le mani delicate, una sera ho fatto capire che quel ragazzo è gay , unica volta che non si è arrabbiato e lo ha tolto ma continua a frequentare il locale e anche altri sono gay. Faceb. mette a nudo le persone e ho visto che i suoi amici , quelli che frequentano il suo locale sono o per lo meno si avvicinano su quel territorio le foto sono sempre tra maschi, fanno viaggi tra maschi e ci sono , hanno molte amiche spinte, molto spinte, lui non ha amiche di questo genere su fac. ha paura che io veda, riguardo alle pagine evidentemente è convinto che gli altri non vedano.Manipola poi in questo modo: se gli dici che qualcuno ti apprezza, ti ha lodato sul lavoro lui ti sminuisce non l'ho mai sentito dire sì è vero, dice invece ti prende in giro , sei scema se ci credi, anche se poi lui mi ammira, anche se ultimamente ha cominciato a manifestare qualcosa che ha cominciato a darmi fastidio ripeteva in continuazione e voi colti e voi che capite tutto, so che nella mia testa ci sono molte più cose, insegno e scrivo romanzi per case nazionali, ma per me non è mai stato un problema , ultimamente la cosa ha cominciato a innervosirmi. Non so se faccia uso di sostanze, una volta a capodanno mi disse che aveva cocaina feci un gran casino impedii l'assunzione disse che ne faceva uso solo a capodanno, in seguito ho ripreso l'argomento ha sempre negato, ma usa parole , espressioni che girano in quel mondo usa spesso la parola il prodotto per dire pure il detersivo, o richiamino riferito a una medicina, a un bicchiere di liquore. Mentre sto scrivendo mi vergogno di apparire così stupida, coì annebbiata, così infantile e da bambina vi chiedo è BORDERLINE?

Sofì

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 08.12.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: aiutatemi a capire se lui è borderline

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum