Diagnosi disturbo di personalitÓ

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Diagnosi disturbo di personalitÓ

Messaggio  Malvina il Ven Dic 09, 2016 2:22 pm

Non sono uno psichiatra/psicologo e d'altronde qui ne troverai ben pochi, ácome da titolo Ŕ un forum di scambio di esperienze. Comunque provo a rispondere lo stesso...
Spesso in ambito psichiatrico si usa l'intervista strutturata, ovvero un questionario che indaga diverse aree della vita psichica della persona (es. socialitÓ, umore, eventuale abuso di sostanze etc.) e che costituisce una specie di traccia per le domande poste dal medico. Di questi strumenti ne esistono molti, da meno di 100 domande a pi¨ di 300, spesso accompagnate da una scala di intensitÓ del tipo "per niente/molto" o "mai/sempre", con diversi gradi intermedi; dopo il questionario generale, se si sospetta un determinato disturbo se ne pu˛ somministrare un altro pi¨ specifico. Naturalmente il medico non si limita a leggere le domande ma le adatta e personalizza al soggetto; spesso c'Ŕ anche una parte relativa solo ad osservazioni del medico rispetto al comportamento e ai discorsi del paziente durante la visita. A questo si aggiunge una parte di colloquio libero in cui parla prevalentemente il paziente riferendo i suoi problemi. In ambito psicologico alcuni operano in questo modo, ma in genere il colloquio libero prevale, intervallato da qualche domanda al paziente, ma non entrando troppo nello specifico. Il colloquio libero Ŕ preferito anche da alcuni psichiatri.
Per quanto riguarda i criteri diagnostici ci sono diversi sistemi di classificazione, forse il pi¨ noto Ŕ quello del DSM, il manuale dell'associazione psichiatrica americana, che per ogni disturbo di personalitÓ indica da 7 a 9 comportamenti o modi di essere/pensare, per avere la diagnosi "piena" bisogna soddisfarne la maggior parte, inoltre l'intensitÓ deve essere tale da disturbare la vita del paziente e/o di chi gli sta intorno e devono comparire ininterrottamente fin dall'adolescenza o dalla prima etÓ adulta. Se questi criteri non vengono soddisfatti del tutto al limite si parla di "tratti", non di disturbo. Inoltre per fare una diagnosi di disturbo di personalitÓ paziente deve essere maggiorenne.
L'intera procedura non Ŕ semplice, si affida molto all'interpretazione del clinico, e perci˛ pu˛ capitare che professionisti diversi facciano diagnosi discordanti.

Malvina

Messaggi : 141
Data d'iscrizione : 09.05.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Diagnosi disturbo di personalitÓ

Messaggio  M il Mar Dic 06, 2016 8:36 pm

Buonasera, volevo sapere come si fa a diagnosticare un disturbo di personalitÓ.
Grazie ai dottori che risponderanno.

M

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 06.12.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum