Sola, malata e inutilmente innamorata

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Mimì il Mer Ott 26, 2016 11:38 am

Alcuni mesi prima lui era sparito senza un saluto, del tipo "ci sentiamo domani" e quel domani non c'è mai stato perché voleva impegnarsi nel salvare il suo matrimonio. Io non l'ho cercato, anche se la mia natura malata mi avrebbe spinto a manipolarlo fino a farlo tornare da me, anche quando ho scoperto il tumore, inizialmente ho fatto da sola, le visite, l'intervento, il post, tutto sola, completamente sola, ma poi quanto il tumore è tornato fuori ho perso lucidità e mi sono rifiutata di procedere con la cura, gli ho chiesto se poteva chiamarmi di tanto in tanto, non volevo vederlo, avevo capito che non avrebbe mai lasciato sua moglie, ma come amico, come medico, come confidente credevo che avrebbe trovato un modo per starmi accanto, darmi modo di guardare con lucidità al tumore, volevo solo parlargli al telefono, ma lui mi ha scritto un semplice "non contare su di me" ed è sparito. Quando alcuni mesi dopo mio padre ha avuto un infarto, è stato operato a cuore aperto e ci sono state diverse complicazioni e inadempienze mediche, gli ho chiesto aiuto, è il suo mestiere, ma lui non mi ha risposto.
Non ho fatto nulla se non essere me stessa ed aver ceduto davanti a così tante cose che mi stavano succedendo. Non lo incolpo di nulla, ha fatto benissimo, solo che non si sarebbe mai comportato con nessun altro così, era l'uomo più buono del mondo e io l'ho fatto diventare una bestia, mi sembra già abbastanza.

Mimì

Messaggi : 41
Data d'iscrizione : 24.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Groviera il Mer Ott 26, 2016 11:17 am

Mimì ha scritto:Io non mi fido più di nessuno.
L'essere border è marginale rispetto al tradimento della fiducia e dell'amicizia. Io non ho amici, non li ho mai avuti, non do confidenza, lui ci aveva messo 10 anni di pazienza e sensibilità a diventare un amico e un confidente, sapeva cose che solo il mio terapeuta sa, ed è stato lui a dirmi di provare qualcosa per me, lui a fare il primo passo non io a manipolarlo né  a sedurlo, io ho solo commesso il grande errore di fidarmi. Io che non mi fido nemmeno di mia madre gli ho creduto quanto mi diceva che ero un'amica, che ero importante, ma il giorno che ho avuto la diagnosi del tumore ed ero fuori (ma anche un sano avrebbe dato di matto, non credi?) se n'è andato, e non mi ha più  scritto nemmeno quando gli ho chiesto aiuto.
Io mi basto da sola da quando sono nata, scrivo leggo, giro il mondo in solitaria, con la mia macchina fotografica, ma nulla di ciò che vedo e faccio può sostituire un abbraccio e nulla colma il vuoto di non poter condividersi. Chi ti dice il contrario racconta balle a te e a se stesso.
Quello che ci rende essere umani e liberi è l'Amore...il resto sono pagliativi che lasciano il tempo che trovano.

Mi ricordi veramente tanto la mia ex.

Cos'hai fatto che lo ha fatto scappare? Qualcosa di veramente irrimediabile?

Groviera

Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 26.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Mimì il Mer Ott 26, 2016 11:02 am

Io non mi fido più di nessuno.
L'essere border è marginale rispetto al tradimento della fiducia e dell'amicizia. Io non ho amici, non li ho mai avuti, non do confidenza, lui ci aveva messo 10 anni di pazienza e sensibilità a diventare un amico e un confidente, sapeva cose che solo il mio terapeuta sa, ed è stato lui a dirmi di provare qualcosa per me, lui a fare il primo passo non io a manipolarlo né a sedurlo, io ho solo commesso il grande errore di fidarmi. Io che non mi fido nemmeno di mia madre gli ho creduto quanto mi diceva che ero un'amica, che ero importante, ma il giorno che ho avuto la diagnosi del tumore ed ero fuori (ma anche un sano avrebbe dato di matto, non credi?) se n'è andato, e non mi ha più scritto nemmeno quando gli ho chiesto aiuto.
Io mi basto da sola da quando sono nata, scrivo leggo, giro il mondo in solitaria, con la mia macchina fotografica, ma nulla di ciò che vedo e faccio può sostituire un abbraccio e nulla colma il vuoto di non poter condividersi. Chi ti dice il contrario racconta balle a te e a se stesso.
Quello che ci rende essere umani e liberi è l'Amore...il resto sono pagliativi che lasciano il tempo che trovano.

Mimì

Messaggi : 41
Data d'iscrizione : 24.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Groviera il Mer Ott 26, 2016 10:47 am

Mimì ha scritto:Se tu fossi più maturo, con più "strada sotto le tue suole" e lei avesse già intrapreso un percoso terapeutico individuale e fosse a buon punto, avreste  potuto seguire la terapia insieme come coppia, usare un tramite per tradurre le rispettive esigenze in un linguaggio comune ad entrambi.

Ok, ora è molto più chiaro.

L'incoraggiamento che ti posso dare è quello a REAGIRE, fare cose, andare avanti e non fossilizzarti sugli errori che hai commesso. Ora sai cosa hai sbagliato, sai che non vuoi che riaccada.
Avendo letto molto sul disturbo, saprai quali sono gli errori in cui puoi cadere, sai che non è un processo conscio, ma devi pensare che è una condizione gestibile.

Ti auguro il meglio.

Groviera

Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 26.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Mimì il Mer Ott 26, 2016 10:16 am

Se tu fossi più maturo, con più "strada sotto le tue suole" e lei avesse già intrapreso un percoso terapeutico individuale e fosse a buon punto, avreste potuto seguire la terapia insieme come coppia, usare un tramite per tradurre le rispettive esigenze in un linguaggio comune ad entrambi.

Mimì

Messaggi : 41
Data d'iscrizione : 24.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Mimì il Mer Ott 26, 2016 10:08 am

Non cerco aiuto, nemmeno immagini quanto leggo ogni giorno sulla mia malattia né la strada che ho percoso...voglio solo sfogarmi con chi mi può capire, che forse non sono più i miei simili ma chi ci respinge e ci isola

Mimì

Messaggi : 41
Data d'iscrizione : 24.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Groviera il Mer Ott 26, 2016 10:05 am

Mimì ha scritto:
Detto questo non pensare che lei abbia o possa avere una vita come invece avrai tu lontano da lei, non pensare di averle fatto un piacere né di averla aiutata, hai pensato a te stesso, che è un comportamento umano, naturale, istintivo, ma non un gesto d'Amore.
Sono d'accordo con te. Ne ho fatti tanti di gesti d'amore ma non sono serviti a nulla, se non a farmi stare male. Non avevo più nulla da dare.

Non capiva che esistono compromessi e non capiva nemmeno cosa fosse la fiducia e il rispetto. Aspetti fondamentali per una relazione. Spesso sono proprio questi aspetti a mancare nelle persone Border.
Ma ovviamente sai meglio di me che non dipende da voi. Vedo che sei molto consapevole di te stessa e non capisco che tipo di aiuto cerchi in questo forum.


Mimì ha scritto:
Tu sei giovane e hai scelto la cosa giusta, non fraintendere, ma se tu avessi avuto un'altra età ci sarebbero state molte strade che avresti potuto percorrere con lei, sempre lei fosse già "in cammino" per sua volontà.

Non capisco cosa mi vuoi dire

Groviera

Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 26.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Mimì il Mer Ott 26, 2016 9:50 am

Nessuna offesa, io sono d'accordo con te.
Detto questo non pensare che lei abbia o possa avere una vita come invece avrai tu lontano da lei, non pensare di averle fatto un piacere né di averla aiutata, hai pensato a te stesso, che è un comportamento umano, naturale, istintivo, ma non un gesto d'Amore. Tu sei giovane e hai scelto la cosa giusta, non fraintendere, ma se tu avessi avuto un'altra età ci sarebbero state molte strade che avresti potuto percorrere con lei, sempre lei fosse già "in cammino" per sua volontà.

Mimì

Messaggi : 41
Data d'iscrizione : 24.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Groviera il Mer Ott 26, 2016 9:44 am

Mimì ha scritto:
Non possiamo avere una vita normale ma solo uno stile di vita accettabile e per riuscire a far questo la cosa migliore è stare da soli perché solo allontanando i sentimenti da noi siamo certi di non farci e soprattutto di non far male agli altri

Ciao Mimì, mi chiamo Davide e ho 24 anni, da tempo leggo questo forum ma solo oggi ho deciso di iscrivermi perchè ho trovato nei tuoi post tratti che ricordano la mia ex ragazza border.

Non so cosa tu abbia potuto fare/comportarti con questo ragazzo ma mi sento di comprenderlo. Mesi fa decisi di lasciarla, una volta per tutte e di non vederla più ( se avrò l'occasione/tempo/voglia un giorno racconterò la mia storia).
L'ho fatto perchè nonostante fossi innamorato di lei, ho compreso che era in grado di farmi del male, tantissimo male: non sapeva amare.

Ho pensato e penso tutt'ora a lei, le voglio molto bene, ma è meglio per entrambi non sentirsi ne vedersi (se per caso dovessi incontrarla la saluterei e magari ci scambierei qualche chiacchiera, ma nulla di più).

Purtroppo concordo con quanto da te citato. Lei non è capace non fare e di non farsi del male, è inevitabile. Credo che la cosa migliore per lei, come POTREBBE essere per te sarebbe: come prima cosa cercare qualcuno che ti possa aiutare, una persona con la quale parlare e che ti dia una mano ad avere rapporti interpersonali migliori. Inoltre, dedicarti in maniera completa (o quasi) a i tuoi hobby, alle cose che ti piacciono, a qualcosa che ti soddisfi e che crei valore per TE.
Stare bene è la priorità, e l'amore non è la via giusta per raggiungere questo stato.

Il messaggio che volevo lasciarti è che nel mio caso, nonostante i suoi comportamenti siano stati inaccettabili e mi abbia fatto stare male, ho compreso la sua situazione e le voglio bene. L'essere fuggito a gambe levate non è sinonimo di odio nei suoi confronti, ma del contrario.

Spero di non essere stato offensivo o troppo duro in ciò che ho scritto...

Groviera

Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 26.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Mimì il Mar Ott 25, 2016 7:28 pm

Mi spiace ma io non posso e non voglio infliggere a nessuno fastidio o dolore. Hai letto cosa scrivono di quelli come me su questo blog? Di quanto possiamo rovinare la vita? Come si fa a pensare di fare tanta fatica, di affrontare tanto dolore per non avere comunque la serenità e soprattutto ferire e "uccidere" chi amiamo (anche se questo non è il verbo giusto, solo che non ne trovo altri)!
Io avevo un amico fidato e l'ho trasformato in una bestia e sinceramente mai più voglio ritrovarmi in questa situazione perché se io non avessi lasciato liberi miei sentimenti, se avessi continuato a rinnegare il mio amore, lui sarebbe qui ora.
Non possiamo avere una vita normale ma solo uno stile di vita accettabile e per riuscire a far questo la cosa migliore è stare da soli perché solo allontanando i sentimenti da noi siamo certi di non farci e soprattutto di non far male agli altri

Mimì

Messaggi : 41
Data d'iscrizione : 24.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Funambolo il Mar Ott 25, 2016 5:15 pm

Ma non ti viene in mente che potrebbe solo averti usata come amante per un periodo discreto?
E' brutto da dire ma potrebbe essere così,che poi gli è passata la voglia di tradire sua moglie e ti ha lasciata...
"ma io non avrò altro perché quelli come me non meritano nulla e nulla possono dare" sarà così solo finchè penserai che è così

Funambolo

Messaggi : 110
Data d'iscrizione : 15.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Mimì il Mar Ott 25, 2016 3:07 pm

Lo amavo prima di sapere della malattia, prima di sapere che lui provava qualcosa per me, lo amavo perché con lui mai avevo dato di matto, mai un comportamento irrazionale...lui c'era e si era meritato la mia fiducia piano, piano, con costanza. Io non sono una di quei border che si scopano il mondo, io non mi innamoro mai, io non mi fido mai nè mi faccio toccare da nessuno. Lui aveva la chiave per entrare nella mia casa fatta di specchi, ha dato un'occhiata e gli ha fatto schifo e se ne andato prima di potersi tagliare portandosi via quel poco di fiducia che mi ero costruita. Non lo cerco, per lui potrei già essere morta, ma io non avrò altro perché quelli come me non meritano nulla e nulla possono dare. Ritengo che sarebbe egoistico anche solo pensare diversamente.

Mimì

Messaggi : 41
Data d'iscrizione : 24.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Funambolo il Mar Ott 25, 2016 2:58 pm

Ti sei innamorata di una persona che non sa sopportare certe caratteristiche,semplicemente. I più se ne vanno a gambe levate ma chi resta scopre il tesoro. Credo che tu lo ami proprio perché se n'è andato. Io guarderei oltre

Funambolo

Messaggi : 110
Data d'iscrizione : 15.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Mimì il Mar Ott 25, 2016 2:43 pm

Lui è anche un medico, aiuta cani e porci, in 10 anni l'ho visto far di tutto per le più disparate persone ma da me se n'è semplicemente andato, contro ogni sua natura. Perché il mio amore è così, un cancro sa estirpare dalla propria vita per sopravvivere.

Mimì

Messaggi : 41
Data d'iscrizione : 24.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Mimì il Mar Ott 25, 2016 2:41 pm

Certo, ma se uno ti dice che sei importante, che ci sarà sempre, come amico,non ti parlo dell'uomo che per un momento è stato attratto da me solo perché in crisi con la moglie (a quello non non ho mai creduto, non sono così bella e interessante) e poi sparisce, e sapendo del tumore in 1 anno e mezzo non ti fa una telefonata, mentre prima che ci "dichiarassimo" ogni volta che mi allontanavo mi cercava con costanza e determinazione sapendo che avevo bisogno di spazio ma di sapere che era lì quando me la sarei sentita, e l'unica cosa cambiata dal prima al dopo è il mio aver sdoganato il mio Amore per lui e quindi aver preso il controllo sulla mia emotività è chiaro che sono io il problema. L' ho ucciso ed è rinato bestia a causa mia.

Mimì

Messaggi : 41
Data d'iscrizione : 24.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Funambolo il Mar Ott 25, 2016 2:32 pm

Ma non credi che c'entri anche la sua situazione matrimoniale? il fatto di essere stata la sua amante a far crollare tutto?
Non so perché dici che il tuo amore è malato e dannoso,mi sembra solo la situazione molto difficile...

Funambolo

Messaggi : 110
Data d'iscrizione : 15.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Mimì il Mar Ott 25, 2016 2:28 pm

Lui è sposato, si è fatto avanti dopo 8 anni sapendo ogni mia più profonda debolezza, ogni mio angolo buio e io mi sono fidata, non riesco a perdonarmi questo, di essermi fidata di lui, sapendo che quando anch'io gli avessi confidato quello che ho sempre provato per lui l'avrei perso perché il mio amore è dannoso e malato. E così è stato. Ho perso il mio amico, la fiducia nel prossimo e in me stessa e la salute. Lui è sereno con sua moglie e io non sono nemmeno un ricordo o un pensiero, ed è meglio così. Lo amo ma non posso dimostrarlo né condividermi con lui.
E sarà così per sempre.
Mi manca, soprattutto il mio confidente, ma non ci posso fare nulla.

Mimì

Messaggi : 41
Data d'iscrizione : 24.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Funambolo il Mar Ott 25, 2016 2:03 pm

Non credo che darsi la colpa di tutto sia la cosa giusta. E' lui alla fine che ti ha lasciato sola,ed è una bestia per sé,senza che tu ce l'abbia fatto diventare. Non darti la colpa di tutto,lo faceva già la mia ex borderline. S'incontrano anche stronzi affermati e non soltanto quelli che abbiamo fatto diventare tali. La mia ex era un po' in balia della sindrome di Stoccolma. Chiunque le facesse del male tendeva a proteggerlo e a svalutare se stessa .

Funambolo

Messaggi : 110
Data d'iscrizione : 15.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Mimì il Mar Ott 25, 2016 1:49 pm

Ti ringrazio ma non la vedo così. Ho visto l'uomo che amo diventare una bestia perché solo una bestia chiude i contati con te il giorno di una diagnosi di un tumore sapendo che cosa stai passando emotivamente. E lui, che era prima di tutto un amico, il mio farò nella tempesta, che mo lasciava allontanare e poi tornare tenendo i piedi ben saldo per entrambi, mi ha lasciato in balia della peggior tempesta in cui potessi imbattermi e se l'ha fatto è perché io ho ucciso l'uomo buono e creato la bestia. Lui non c'è più a causa mia. E sarà sempre così...e se non posso fidarmi di me stessa come posso fidarmi di un altro? Io non mi apro mai agli altri, con lui ci sono voluti due anni per dargli del tu, e quando dopo 8 anni mi dice che prova qualcosa per me io mi sono lasciata andare perché mai avrei pensato che mi avrebbe abbandonato, ma se n'è andato senza salutare...e immagini cosa questo abbia scatenato in me.
Spero che ovunque sia, sia felice.

Mimì

Messaggi : 41
Data d'iscrizione : 24.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Funambolo il Mar Ott 25, 2016 1:39 pm

Non credo che tu non sappia amare. Credo che il tuo sia il più grande Amore possibile, il rinunciare al possesso per la felicità dell'altro credo che sia vicino a qualcosa di divino,alla faccia dei Border...
Magari è possibile ristabilire qualcosa con lui,non lo so,ma io ci proverei perché non siamo solo la malattia, la malattia è qualcosa che si ha,non ciò che siamo. Credo tu abbia tanto da offrire,tante cose preziose che ti tieni dentro e che per colpa di questa condanna non riescono a uscire fuori....ma si può imparare,piano piano. Io stesso non sono lo stesso borderline che ero anni fa,anche a noi è dato cambiare.. e migliorare

Funambolo

Messaggi : 110
Data d'iscrizione : 15.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Mimì il Lun Ott 24, 2016 10:27 pm

Sono border e quindi non so amare e fra tutte le punizioni che la vita può infliggere questa mi sembra la peggiore, perché non potersi condividere e non poter accogliere qualcun altro sono limiti invalicabili che ci rendono persone inutili e per quanto medici e terapeuti possano dire uno stile di vita accettabile non è vivere, riuscire ad andare al lavoro, tornare a casa e farsi una doccia, prepararsi la cena non ci rende persone normali: siamo malati e ci è stata tolta la possibilità di amare e di essere amati e quindi il senso dell'essere Umani, perché nessun Uomo ha senso nella solitudine in questa natura.
Io accetto la mia malattia e la mia condizione e anche se piango per 20 ore al giorno la parte più sana di me sa che chi amo ha fatto bene ad abbandonarmi senza un saluto subito dopo la diagnosi di un tumore maligno con un SMS "non contare su di me" e a non chiamarmi mai più nemmeno per sapere come sto, ha fatto bene perché io a parte il mio amore malato non ho nulla da offrirgli e gli toglierei la vita e la felicità ...perché dovremmo soffrire in due se posso io sobbarcarmi tutto, anche i suoi errori, e lasciare lui libero di volare altrove?
La malattia mentale, il tumore, la persona di cui più ti fidi che ti tradisce e ti abbandona, sono dolori che sommandosi in me alimentano un vuoto e una solitudine che lui forse avrei potuto placare perché sapeva come prendermi perché con lui, fino al momento in cui ha tradito la mia fiducia, la malattia non si era mai palesata, ma se non ci fosse riuscito? Posso biasimarlo per le bugie, i tradimenti, l'ipocrisia e la cattiveria?
No, ovviamente no, sopporto il dolore fisico e mi lascio divorare da quello emotivo perché so che il più grande gesto d'Amore che possa fare per lui è rimanere fuori dalla sua vita anche se questo peggiora la mia, anche se lui ha contribuito in buona parte con il suo comportamento meschino a farmi diventare quella che sono.
Vivo, sempre più, nella consapevolezza che questa malattia non si differenzia molto dalla pedofilia. Come i pedofili noi non possiamo controllare i nostri pensieri deviati, gli istinti malati, ma possiamo limitare i danni con una sorta di castrazione chimica che ci impedisca di far male a delle persone innocenti, chiuderci in casa, respingere amici e contatti umani, dev'essere la soluzione per quelli come noi, anteporre il bene altrui al nostri bisogni perché noi difficilmente saremo felici ma almeno non ci divoreremmo l'anima degli altri.
Io lo amo, per quanto poco valga detto da un border, io lo amo.

Mimì

Messaggi : 41
Data d'iscrizione : 24.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sola, malata e inutilmente innamorata

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum