sono borderline? 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: sono borderline? 2

Messaggio  Mimì il Mar Ott 25, 2016 10:30 am

Da quello che scrivi molti specialisti hanno valutato il tuo caso, perché cercare in un forum una diagnosi o una conferma?

Mimì

Messaggi : 41
Data d'iscrizione : 24.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

sono borderline? 2

Messaggio  vivolibero il Sab Ott 22, 2016 2:51 pm

ho ridimensionato la mia discussione.
ciao e grazie a tutti.
Ciao a tutti. ho avuto un infanzia difficile tra un padre vecchio, una mamma alcholista e bullismo pesantissimo a scuola ma ho sempre cercato di essere positivo diventando un campione di nuoto e vela. ho avuto un esaurimento nervoso a 12 anni e ho mollato scuola e amici finento in neuropsichiatria. dopo centinaia di test i risultati erano che io potessi avere una personalità narcisistica ( avevano messo un punto interrogativo) e che io fossi incredibilmente intelligente (il test del qi dava 146 di media tra logica e cultura). uscito da quella scuola cambiai città per il liceo e mi ritrovai pieno di amici e capii che il problema del bullismo è nel gruppo non nel ragazzo solo. tanti amici tanto divertimento e conobbi alchol e marijuana. non mollai gli studi per questo ma perche avevo il rifiuto della scuola. la mia vita andava a gonfie vele a parte quando vedevo i compagni della vecchia scuola ma venivo difeso dagli amici e dopo che ne ho fatti pestare un paio tutti i miei problemi sparirono! stavo fuori casa per giorni dormendo da amici. a 16 anni conobbi un imprenditore stupito della mia bravura con le barche e decidemmo di fondare un circolo sportivo. mi stavo facendo un nome in questo campo ed ero pieno di impegni finchè non conobbi la mia ex. ragazza problematica con i genitori che se provavo a lasciare mi chiamava in lacrime dicendo che si stava tagliando le vene o che aveva preso pastiglie. io non potevo parlarne con i genitori perchè me li aveva descritti come mostri.
dopo mesi di tira e molla decisi di parlare con psicologi e assistenti sociali ma lo stress non mi faceva dormire e dovevo fumare canne per rilassarmi e riuscire a dormire. canne e stress mi causarono un esaurimento nervoso e iniziai a credere alla telepatia cosa umiliante che mi fece perdere amici credibilità e carriera. lei finì in un ospedale psichiatrico e a parte qualche telefonata io ero libero. decisi di cambiare vita e andare in australia. li mi feci un nome nelle gare sul margaret river lavoravo ma conobbi marijuana chimica e metanfetamina. deciso a smettere dopo mesi le crisi di astinenza mi fecero perdere il lavoro e decisi di farmi ricoverare. li senza nessuna domanda mi imbottirono di farmaci che mi facevano stare male. muscoli paralizzati, fissavo il vuoto per ore e decisi che vivere così non aveva senso. non avevo il coraggio di impiccarmi ma provai ogni genere di veleno dal paracetamolo al veleno per topi fino ad iniettarmi feci di gatto in vena. tornai dall'australia davvero provato e decisi di smettere con i farmaci ma di continuare con i dottori. smisi senza dire niente a nessuno e ripresi in mano la mia vita. lavoravo come istruttore di vela ma poi mi fumai una canna e andai in paranoia per due mesi e dovetti ricominciare con i farmaci. dopo i farmaci tentai il suicidio e ogni volta che lo tentavo mi aumentavano i farmaci e stavo peggio. dopo un po li smettevo ricominciavo a lavorare e a uscire ma uscire voleva dire fumare e finivo di nuovo in paranoia. due anni di vita così e conobbi la cocaina che mi permetteva di stare bene con i farmaci ma costava troppo e allora la mollai insieme ai farmaci. non uscivo più per il terrore di drogarmi e questo dalla mia famiglia era visto male e dopo sei mesi che studiavo programmazione in camera da solo fui messo in comunità per 3 mesi farmaci da cavallo ma mi davano l'akineton che almeno non mi faceva avere dolori e muscoli tesi. ricominciai a fare sport e a studiare una volta uscito iniziai a lavorare ma persi il lavoro perchè fissavo il vuoto e io non potevo farci niente. andai a lavorare per la migliore scuola di vela italiana. li tradii la mia ragazza dopo aver mollato i farmaci ma non perche stavo male ma perchè stavo bene. la sera dopo aver finito mi vennero i sensi di colpa e allora fumai una canna per dormire .. di nuovo paranoie e la mattina dopo glielo dissi. una mega litigata (poi scoprii che lei lo aveva fatto prima di me ahahaha) la pregai di stare insieme a me e che avrei ripreso i farmaci. di nuovo mi sentivo male ma pensavo fossero gli effetti collaterali iniziali dopo 3 mesi ci siamo lasciati ma siamo rimasti d'accordo sul dormire assieme baciarci e scopare. questo insieme al senso di pesantezza dei farmaci mi portarono a tentare il suicidio nel letto mentre lei dormiva dopo che eravamo partiti per londra. finito in ospedale con in corpo più di 200 pastiglie di cui 40 di paracetamolo mi dissero che avevo bisogno di un trapianto di fegato. incredibilmente dopo 5 giorni i valori tornarono nella norma e finalmente potevano darmi almeno antidolorifici e mi diedero il tamadol che almeno mi permetteva di dormire un po la notte. dopo 15 giorni tra terapia intensiva e medicina finisco in psichiatria dove mi hanno eliminato i farmaci e finalmente sto bene. anche la mia ex dice che sto meglio e già appena riuscivo ad alzarmi ci imboscavamo nei bagni dell'ospedale ahahahah. ora ho ripreso in mano di nuovo la mia vita ho ripreso ad uscire e sotto consiglio dei medici di londra di non prendere più farmaci perche nel mio caso e cito "sono una chemioterapia data per un dolore al piede" che l'unica cosa che dovevo fare è stare fuori dalla droga che se no nessun farmaco mi avrebbe salvato. ora vedo un futuro roseo e mi sento benissimo i miei amici mi vedono bene la mia ex anche e quando torno a londra ripartiamo da dove avevamo lasciato. ora ho solo moltissima paura di perderla perche sono molto innamorato e ho paura che senza di lei almeno per il momento potrei ricadere nella droga. se lei regge alla distanza per due mesi sono sicuro di stare benissimo anche se poi ci dovessimo separare ma se dovesse capitare ora sono solo e ho assistenti sociali e psichiatri italiani pronti con i farmaci a ogni mio passo falso. ho molta paura che in questo periodo di fragilità possa capitarmi qualcosa.

vivolibero

Messaggi : 2
Data d'iscrizione : 21.10.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum