Noi non siamo cattivi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Noi non siamo cattivi

Messaggio  Malvina il Mar Ott 18, 2016 11:21 pm

Ciao Perplesso, ti risposi anche a suo tempo, mi ricordo della tua storia. Certo non è una situazione ottimale ma spero che tu riesca a recuperare gradualmente almeno un po' di serenità. Sotto ho raccontato anche la mia storia, come vedi qui non sei l'unico parente di Bdl.

Comunque auguro di ritrovare serenità anche all'autrice del thread (che mi pare perlomeno lucida nel descrivere la sua situazione, il che è già un inizio) nonché a tutti i sofferenti del disturbo e alle loro famiglie.

Malvina

Messaggi : 140
Data d'iscrizione : 09.05.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

riduttivo parlare di bontà o cattiveria

Messaggio  Perplesso il Mar Ott 18, 2016 10:47 pm

Ciao a tutti e all'autrice del topic... mi spiace per la tua storia, e la mia risposta è volutamente provocatoria....parlare di cattiveria o bontà all'interno di un disturbo mentale mi sembra abbastanza riduttivo...ogni persona è un caso a sè, ci sono varie sfaccettature della vostra malattia. Una cosa però la credo fermamente, pur senza poterla provare scientificamente...chi è border, a prescindere dalle vicissitudini che possano aver influenzato a farlo diventare tale, c'è una sorta di predisposizione genetica...

Io la mia storia l'ho descritta in un precedente topic....ma la ripeterò per chi ha la pazienza di leggere..in un forum in cui vedo interfacciarsi border e fidanzati o ex "codipendenti" , io sono il fratello di una BL e senza mezzi termini, mia sorella mi ha rovinato la vita ....ebbene si, benche sento parlare solo di BL che hanno avut rovinata dai parenti...un fidanzato se ne puo andare quando vuole, io son sempre dovuto stare in trincea...ho 33 anni, mia sorella BL 29, e un'altra sorella piu piccola di 22.

Potrei dire che il tutto è nato dopo la morte di nostra mamma nel 2004...ma direi una bugia, perche mia sorella BL è sempre stata particolare fin da bambina....certo, forse era quella che si è trovata nell'età piu delicata dopo la morte di mamma, avendo 17 anni, ma da lì in poi non si è capito piu nulla... Rolling Eyes

Ha cominciato a bere e fumare erba, acquisendo pian piano un comportamento crescente di aggressività verso noi altri familiari, in particolare nostro padre la cui unica "colpa" era quella di dover stare spesso fuori per motivi di lavoro (è operaio di una ditta edile che spesso prende appalti anche fuori città), e ns zia, la sorella di mamma defunta, zitella, che viveva con noi, la cui colpa era quella di rispondere con severità alle sue nefandezze di adolescente fuori controllo...severità necessaria dato che con la strada del dialogo riceveva solo sonore parolacce.

Abbiamo tentato di portarla non so da quanti psichiatri e psicologi, due-tre sedute e poi si scocciava dicendo che non capivano un cazzo.... Rolling Eyes e dato che la situazione in casa si faceva pesante (piu di una volta ha alzato le mani alla zia), e lei voleva la sua indipendenza, con grande sacrificio le abbiamo acquistato un piccolo monolocale in periferia dove potersi gestire sempre col ns aiuto economico...anche perche a parte noi, riceve solo un piccolo sussidio dall'INPS di invalidità di manco 300 euro al mese....

Di lavorare nn si èmai degnata, ha tentato pochi lavori e veniva puntualmente cacciata, dopo un primo periodo in cui pareva si trovasse bene ci ha accusati di averla "relegata" lì liberandoci della sua presenza (dopo che lei stessa non voleva piu vivere con noi, e comunque la si andava a trovare sempre), e pian piano, è peggiorata ancora di piu, non so quante volte ho dovuto staccare da lavoro perche mi chiamavano i vicini dicendo che sentivano urla e rumori forti, infatti rompeva specchi, mattonelle, ecc. in piene crisi isteriche.... I periodi in cui stava calma e non ci cercava proprio (ma davvero, manco na telefonata) era quando si frequentava con qualcuno e aveva un pisello in mezzo alle gambe....peccato che durasse poco.

Morale della favola, io ho perso il lavoro per le troppe assenze...e nn parliamo di un lavoro da pony express, ma ero impiegato in banca...ora cerco di sbarcare il lunario con lavori commerciali di rappresentanza, con tutta la precarietà e lo stress che si portano dietro..la sorella piu piccola ha lasciato l'università.... in piu ho perso anche la mia fidanzata di cui ero innamoratissimo e con cui stavo da 4 anni e convivevo da 2, progettavamo di sposarci, peccato che troppe volte ho "accannato" anche lei per accorrere alle urgenze di mia sorella, e capendo l'antifona ha detto "vai a fare il badante di tua sorella a vita, e continua a farti rovinare la vita da lei, ma a me non cercarmi piu"....

Ora è chiusa in clinica...a lunga degenza....è da oltre un mese che sta là, l'ho denunciata io stesso per aggressione nei miei confronti, dato che mi ha dato una botta col mattarello (ebbene si, proprio come nelle vignette e barzellette), sulla testa e hanno dovuto mettermi i punti....dopo di questa con lei ho chiuso, l'unica che ancora la va a trovare è la sorella piccola e mio padre quando si trova a Roma che nn sta in giro a lavorare (gli mancano ancora 5-6 anni prima di andare in pensione)...mi dicono che sta sedata come uno zombie...non posso dire che sia contento di sapere che sta cosi, ma una cosa posso dirla....da quando non la frequento piu sono una persona felice...

Perplesso

Messaggi : 6
Data d'iscrizione : 13.04.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Noi non siamo cattivi

Messaggio  Bigme il Sab Ott 01, 2016 8:49 am

Ciao, ho letto con molta partecipazione la tua storia che è comune a quella di tante altre persone che soffrono. Lo so che questo non aiuta molto, ma il fatto che ti sua decisa a guardarti dentro, alle tue emozioni e veri bisogni è un grande risultato che ti porterà a stare meglio, giorno per giorno. Aprirsi e chiedere aiuto non è sbagliato e, nel caso nostro, ancora di più. Questo perché il vuoto che sentiamo è lo spazio fra tanti momenti in cui siamo sopraffatti da una melma emotiva che non sappiamo districare. Per noi è difficilissimo rispondere sinceramente anche alla banale domanda "come stai?". Per il resto non ti giudico e comprendo perfettamente come ti senti.

Bigme

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 10.09.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Noi non siamo cattivi

Messaggio  Ragazzaborder1 il Sab Set 10, 2016 1:17 pm

Io ho avuto un infanzia fatta d'abusi che poi nell'adolescenza è sfociata in scatti d'ira per qualsiasi cosa, disturbi alimentari, vuoti cronici, depressione, promiscuita etcetera.
A volte pensavo di poster essere bipolare a volte solo pazza. I miei genitori non hanno mai fatto nulla anzi, mi dicevano che ero cattiva,un diavolo e basta. Dai 12/16 anni pensavo solo al momento giusto per suicidarmi, pensavo che nessuno mi volesse bene. Tutte le mie relazioni sono sempre finite malissimo ed ero in cerca sempre di qualcuno perche mi sentivo sola.
Non ho mai sospettato di avere un disturbo mentale fino a quest'anno che ho avuto una relazione finita male di nuovo, dopo aver letto di ragazzi che si lamentavano di ragazze "psycho" mi si è spezzato il cuore. Ero Io quella di cui loro parlavano. Il mio ex in primo luogo l'ho idealizzato, lui veniva in italia per vedermi, voleva sposarmi, voleva Farsi un tatuaggio per me, cose che non erano mai successe nella vita, finalmente qualcuno voleva amarmi.
Non è vero che amiamo per finta, Io ho sentito un forte sentimento per lui, anche se nel mentre lo sentivo per altri uomini. Ma non era finto, era solo amplificato, poiche noi non sappiamo gestire queste emozioni.
Ad un tratto scopro che si era visto con una sua amica Ed ho avuto un attacco di panico, ne ho fatto una Vera tragedia, lho insultato e ho insultato tutti e ho pianto per giorni, lui mi disse solo che ero pazza. Ho coinvolto tutti I suoi amici e anche loro hanno cominciato a disprezzarlo come lo disprezzavo Io. Mi aveva mentito, diceva di amarmi e doveva andare al lavoro e invece è uscito con quella Donna. Qui è stato l'inizio di un vortice di vendette da parte mia. Ho cominciato ad ignorarlo, e a fare battute cattive ma comunque lui dopo si era scusato e voleva che andassi a vivere con lui, ma Io volevo solo fargli del male come lo aveva fatto a me. Ho conosciuto un ragazzo a caso , lho baciato a stampo e dopo glielo detto. Lui ha reagito male insultandomi e allora Io l'ho lasciato,poi lui ha detto di smettere di farlo e che amava solo me. Le cose vanno ma nella mia Mente lui è un mostro. Ormai lo avevo classificato così. Per me le persone sono o buone o cattive, sono buone finche non vedo qualcosa di sbagliato e allora perdono valore e non mi interessa piu niente di loro.
Lui decide di distaccarsi e ignorarmi per settimane. Reagisco male, mi ha abbandonato. Lui dice che non ne puǒ piu, che è stressato. Io cerco di essere carina con lui ma niente e allora dico a lui che mi sarei tagliata I polsi. Ovviamente non lo avrei fatto, era solo per farlo ritornare, ma non ha funzionato.
Dopo questo abbandono vado in cerca di altri uomini per se...ma anche loro dopo un po si stufano di me, Io entro in un tunnel finche incontro un ragazzo che mi dice che sono malata.
Ci penso e ci ripenso Ed aveva ragione, mi calmo e comincio a idealizzarlo come mio salvatore, ma lui non era interessato a me e cambio "preda".
Essendo sola con questo vuoto in me decido di inventarmi di essere incinta e lo dico al mio ex che pero mi ignora poiche sono stata a letto con altri e non mi crede. Allora decido di coinvolgere piu persone sue amiche e di dire che lui non vuole prendersi le sue responsabilità, che è orribile. Ma a lui non interessa, le mie manipolazioni non gli interessano e senza riscontri decido di mollare la presa. Nel mentre, le mie altre relazioni sono tutte finite, hanno capito tutti che non ero fedele e in molti mi hanno bloccato o comunque hanno smesso di parlarmi.
Sono andata in terapia e in effetti sono affetta di questo disturbo. Non guariro al 100% ma ora sto meglio, perche so di non essere cattiva, so di essere malata.
Riesco a controllare la mia promiscuita, infatti piu di un mese che non vado con uomini e riesco a vederli come amici o conoscenti senza raggirarli o provare "amore". Sto Seguendo una dieta e sto meglio. I scatti d'ira li conyrollo meglio ma a volte capitano.

Il vuoto cronico e la tristezza, quelle restano.
Pesano come macigni, ma cerco di distrarmi. Cerco di uscire piu volte di casa,solo per una passeggiata.

Sono single e vabene così, per adesso. Non voglio soffrire o far soffrire altri.

Ragazzaborder1

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 10.09.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Noi non siamo cattivi

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum