Storia e pareri sui farmaci

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Storia e pareri sui farmaci

Messaggio  Allin93 il Ven Mag 13, 2016 10:41 pm

Dianaz ha scritto:Non soffro di questi disturbi e non mi intendo dei farmaci adatti, ma voglio mandarti un grande incoraggiamento. Ho a che fare con giovani e la tua consapevolezza del problema lucidita' nel distaccartene -per quanto possibile- per affrontarlo sono secondo me segnale di una grande intelligenza che certamente ti permettera' di risolvere la questione!  Spero ti seguano professionisti attenti e validi.

Grazie, volevo aggiornare la situazione perché ho combinato un bel casino, e difatti ho appuntamento con lo psichiatra il 18 maggio, è difficile comunque, il massimo che riesco a fare per il momento e vergognarmi e scusarmi il giorno dopo, per fortuna in questo caso ho avuto a che fare con persone che mi hanno capito, e di conseguenza hanno accettato le scuse, in ogni caso mi sono deciso ad andare da uno psichiatra dietro consiglio dello psicoterapeuta visto l'ultimo problema che ho creato, mi rendo conto di esagerare ma è più forte di me, l'unica cosa che posso dire è che dietro c'e tanto dolore e tanta solitudine, ma mi rendo conto che questo non giustifica certi atteggiamenti.

Allin93

Messaggi : 6
Data d'iscrizione : 04.05.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia e pareri sui farmaci

Messaggio  Dianaz il Ven Mag 13, 2016 1:58 pm

Non soffro di questi disturbi e non mi intendo dei farmaci adatti, ma voglio mandarti un grande incoraggiamento. Ho a che fare con giovani e la tua consapevolezza del problema lucidita' nel distaccartene -per quanto possibile- per affrontarlo sono secondo me segnale di una grande intelligenza che certamente ti permettera' di risolvere la questione! Spero ti seguano professionisti attenti e validi.

Dianaz

Messaggi : 55
Data d'iscrizione : 16.03.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Storia e pareri sui farmaci

Messaggio  Allin93 il Mer Mag 04, 2016 1:20 pm

Salve a tutti, sono un ragazzo di 22 anni che dopo una vita di problemi interpersonali e non, ha deciso di contattare uno psicoterapeuta per problemi legati principalmente - o almeno così credevo - a depressione e idee suicidarie ricorrenti, qualche settimana fà, dopo varie sedute mi è stato detto di avere questa patologia, o questo disturbo del " Cluster B ", in seguito a quanto pare a ricorrenti svalutazioni, idealizzazioni, sopratutto nei rapporti sentimentali - che per l altro non ho neanche mai avuto tanto è forte questo problema -, oltre ad autolesionismo e strani disturbi sessuali quali voyeurismo e tendenze sadiche/masochistiche, non so perché vengo a scrivere qui, credo perché qui posso trovare qualcuno che ha idea di quanto sia impossibile vivere una vita del genere, svaluto e idealizzo continuamente le persone con cui mi lego - che tra l'altro sono ristrettissime, anche perché quando mi lego a una persona tendo a evitare tutti gli altri non so per quale motivo -, ci litigo se non mi danno attenzioni, a volte incolpandole per i segni che ho addosso, poi me ne pento, chiedo scusa, svaluto la persona e poco dopo ritorno con idee " romantiche " assurde e che non riuscirò mai a portare in atto, in un giorno posso sentirmi bene per 1-2 ore e collassare mentalmente nel giro di 10 minuti tagliandomi o bruciandomi con sigarette, accendini e quant'altro, visto i miei problemi di autolesionismo mi era stato consigliato dallo psicoterapeuta di intraprendere una cura farmacologica per tenerli a freno, dopo che in un " eccesso " ero arrivato tagliandomi troppo a fondo, a scoprire una parte del tendine di un braccio, poi fortunatamente sono tornato a " controllare " questi istinti, o comunque a limitarmi, in realtà ho molta paura di prendere farmaci, e anche se mi accorgessi di non riuscire a tenerli a freno - cosa in cui effettivamente a volte non riesco, ma la confusione è talmente tanta che non so neanche se non ci riesco perché mi piace farmi del male o perché la tentazione è veramente tanto forte - difficilmente intraprenderei una cura farmacologica, dato che comunque a detta di chi mi ha in cura, il farmaco tende a contenere ma non cura effettivamente la patologia e il disturbo, quindi volevo chiedere, a voi in situazioni simili - il che mi rendo conto che è un pò assurdo, a quanto mi è stato detto ogni caso e diverso dall'altro proprio per le differenze e esperienze personali - che cosa vi è stato prescritto, e come vi ci siete trovati ?

Allin93

Messaggi : 6
Data d'iscrizione : 04.05.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia e pareri sui farmaci

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum