I FANTASMI DEGLI EX CODIPENDENTI!

Andare in basso

Re: I FANTASMI DEGLI EX CODIPENDENTI!

Messaggio  sopravvissuto1974 il Gio Feb 19, 2015 1:21 pm

ok ma se a lei capitassero le cose che le hai augurato ..a te cosa cambierebbe? tu devi pensare alla TUA felicità , se continui a covare rabbia non farai altro che rimanere nella sua sfera di influenza.Comincia a pensare a cosa ti da gioia nella vita e prova a cercare di focalizzare i tuoi sforzi verso le cose positive ,anche quelle piccole (che sono anche più semplici da raggiungere) .
Possibile che così facendo tu riesca a distoglierti dalla rabbia e a dimenticarti del passato. CI vuole tempo ,ci saranno giornate buone e altre brutte , ma intanto ti allontanerai dal black hole che ha inghiottito sette anni della tua vita..

sopravvissuto1974

Messaggi : 64
Data d'iscrizione : 06.02.15

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: I FANTASMI DEGLI EX CODIPENDENTI!

Messaggio  Delfino81 il Gio Feb 19, 2015 11:21 am

sopravvissuto1974 ha scritto:ciao Delfino,
in parte comprendo che il fatto di non amare una persona non escluda comunque l'affetto e il desiderio di aiutare chi è in difficoltà .
E' anche probabile che la tua ex ti abbia manipolato agendo sui tuoi sensi di colpa piuttosto che su un sentimento che non era amore.
La mia esperienza personale mi ha insegnato che queste persone hanno una sensibilità che gli consente di stabilire su quali punti far leva per ottenere quello che vogliono , fatto salvo che quando lo ottengono non sanno comunque cosa farne e lo rifiutano anche rabbiosamente.
dedicare sette anni della propria vita ad aiutare una ex è comunque una bella dimostrazione di perseveranza e dedizione all'autolesionismo (non me ne volere).
Si tratta comunque di qualcosa che è passato , per cui che senso ha voler vedere il male in qualsiasi relazione ti si proponga?I rapporti di coppia , se sani , hanno un loro percorso .Gradualmente ci si conosce e si valuta quanto del nostro tempo possiamo dedicare allo stare insieme , non in funzione del bisogno ma piuttosto del piacere che l'altro porta nella nostra esistenza.Una relazione deve aggiungere qualcosa di positivo alla nostra vita non deve essere un sostenersi a senso unico.Si può essere felici in due solo se ciascuno realizza se stesso , altrimenti si entra in un circolo vizioso che prima o poi porta la coppia a scoppiare.
Personalmente (e su suggerimento dello psichiatra) mi sono preso un anno sabbatico in cui ho deciso di non prendermi impegni e dedicare le mie energie a ricostruire la mia serenità , a volermi bene  , ma comunque sono aperto a nuove esperienze e non mi precludo rapporti sentimentali a prescindere .Piuttosto metto bene in chiaro (soprattutto nella mia testa ) cosa mi aspetto  cosa voglio e quanto sono disposto a concedere (e quindi a ricevere) in termini di impegno . Ad onor del vero non ho mai ben inteso cosa sia un rapporto da scopamico e per l'idea che ho di uomini e donne la trovo una cosa un po' avvilente : concepisco l'amicizia  con eventuale sconfinamento nel sesso ma limitare a una scopata il rapporto con una persona lo trovo un po' come voler andare a zoccole senza voler pagare ..      
 

non te ne voglio affatto, infatti credo fortemente che dalla bassa autostima di me stesso sia nata questa "strana" codipendenza da parte mia.... io non la amavo, quando spariva ero felicissimo, purche sapevo che non era sola, che c'era qualcuno, anche se x poco tempo (e chi resiste sette anni? solo un coglione come il sottoscritto) che se ne occupava di lei...

quello su cui infatti mi ha manipolato erano proprio i miei sensi di colpa sulla sua vita...sapeva che avevo fatto volontariato, sapeva che ero religioso (vi dirò anche la fede l'ho persa abbastanza per strada dopo questa esperienza) e sapeva che, il copione era sempre lo stesso...

se anche dopo una crisi isterica mi avesse riempito la faccia di schiaffi, o la testa di pugni, io me ne andavo, lei mi mandava un messaggio dicendo "torna oppure mi ingoio l'intera boccetta"....e io, come ripetuto più volte, anche legalmente non sapevo che fare....chiamavo il padre, la madre, il fratello, tutti a rispondermi di lasciarla fottere come hanno fatto loro "tanto non si ammazza".... in effetti i 2/3 delle sue minacce erano bluff....

però tornavo sempre...."che faccio?" mi dicevo...."se me ne frego e non chiamo nessuno forse sarò perseguibile penalmente per omissione di soccorso se questa si ammazza"...però allo steso tempo mi rendevo conto che se chiamavo il 118 e comunicare l'indirizzo senza nemmeno essere conscio che il "cocktail" se lo fosse preso davvero, forse ero perseguibile di aver allertato invano un servizio pubblico...

alla fine, poi consultandomi con gente più esperta di me, bastava che allertassi il 113, e rivolgessi la frittata a mio favore, ovvero dicendo che c'era una pazza che dopo avermi alzato l mani minacciava di suicidarsi, comunicavo dati e indirizzo, ed era perseguibile per aggressione fisica, e stalking...ah anche calunnia dato che diceva pure che l'avevo violentata...

ora nel profondo del mio cuore, le auguro che finisca legata in clinica a farsi aprire il cranio in 2, a farsi fare esperimenti come gli ebrei col dotto Mengele sotto il regime nazista.... chiamatemi stronzo, ma la rabbia che provo è ancora enorme...sia contro di lei che contro me stesso

Delfino81

Messaggi : 70
Data d'iscrizione : 26.01.14

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: I FANTASMI DEGLI EX CODIPENDENTI!

Messaggio  sopravvissuto1974 il Mer Feb 18, 2015 12:05 pm

ciao Delfino,
in parte comprendo che il fatto di non amare una persona non escluda comunque l'affetto e il desiderio di aiutare chi è in difficoltà .
E' anche probabile che la tua ex ti abbia manipolato agendo sui tuoi sensi di colpa piuttosto che su un sentimento che non era amore.
La mia esperienza personale mi ha insegnato che queste persone hanno una sensibilità che gli consente di stabilire su quali punti far leva per ottenere quello che vogliono , fatto salvo che quando lo ottengono non sanno comunque cosa farne e lo rifiutano anche rabbiosamente.
dedicare sette anni della propria vita ad aiutare una ex è comunque una bella dimostrazione di perseveranza e dedizione all'autolesionismo (non me ne volere).
Si tratta comunque di qualcosa che è passato , per cui che senso ha voler vedere il male in qualsiasi relazione ti si proponga?I rapporti di coppia , se sani , hanno un loro percorso .Gradualmente ci si conosce e si valuta quanto del nostro tempo possiamo dedicare allo stare insieme , non in funzione del bisogno ma piuttosto del piacere che l'altro porta nella nostra esistenza.Una relazione deve aggiungere qualcosa di positivo alla nostra vita non deve essere un sostenersi a senso unico.Si può essere felici in due solo se ciascuno realizza se stesso , altrimenti si entra in un circolo vizioso che prima o poi porta la coppia a scoppiare.
Personalmente (e su suggerimento dello psichiatra) mi sono preso un anno sabbatico in cui ho deciso di non prendermi impegni e dedicare le mie energie a ricostruire la mia serenità , a volermi bene , ma comunque sono aperto a nuove esperienze e non mi precludo rapporti sentimentali a prescindere .Piuttosto metto bene in chiaro (soprattutto nella mia testa ) cosa mi aspetto cosa voglio e quanto sono disposto a concedere (e quindi a ricevere) in termini di impegno . Ad onor del vero non ho mai ben inteso cosa sia un rapporto da scopamico e per l'idea che ho di uomini e donne la trovo una cosa un po' avvilente : concepisco l'amicizia con eventuale sconfinamento nel sesso ma limitare a una scopata il rapporto con una persona lo trovo un po' come voler andare a zoccole senza voler pagare ..


sopravvissuto1974

Messaggi : 64
Data d'iscrizione : 06.02.15

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: I FANTASMI DEGLI EX CODIPENDENTI!

Messaggio  Delfino81 il Gio Gen 29, 2015 9:18 am

amitriptilina ha scritto:Sinceramente nn capisco nemmeno io. Ti sei messo con questa donna x pietà (un po cm se io andassi da un barbone e lo invitassi a stare da me e mi ci fidanzassi) cosa che a mio parere nn è né buonismo né cercare di addossarsi responsabilità. Fidanzarsi x pietà è senza senso, posso capire se ci sn pulsioni, ma così è davvero roba da film.
Veniamo al punto 2: volevi sbolognartela ma t facevi carico d lei. Anche questo insensato. O vuoi scappare o vuoi aiutare(oppure vuoi scappare,  ma ci sn incentivi x cui scegli di rimanere,  ma nn mi pare fosse un lavoro)
Cosa ancora + insensata: lograrti su un forum in cui la gente ha il dilemma "vorrei tornare ma so Ke sarei masochista a farlo"
Ora dici d avere paura. Ok. Ma davvero pensi Ke se frequenti una xsona vivrai di solo sesso? Dove sta la violazione di libertà nel chiedere 1 uscita?  Le xsone nn sn oggetti da usare a comando.  La parola trombamici contiene la parola "amici" sennò puoi metterla sul piano "ho il tuo numero x le crisi d'astinenza"
Detto qst: le paure le hanno tutti,  se le affronti sei un essere umano.

Ripeto, riassumere quelli che sono stati 7 anni di calvario in poche righe, non è facile... non mi sono messo con questa donna per peietà 7 anni fa... credevo di amarla...poi stando insieme ho capito che non era amore....e ci siamo lasciati...anzi, mi ha lasciato lei, perche non vedeva piu amore, quello passionale da parte mia.... Quello che c'è stato dopo è stato olo un rapporto assistenzialistico-infermieristico da parte mia nei suoi confronti, che alla lunga ha logorato anche me...! il perche l'abbia fatto, a oggi non me lo so spiegare nemmeno io! amore no dic erto...affetto fraterno? debolezza di carattere? boh!

Delfino81

Messaggi : 70
Data d'iscrizione : 26.01.14

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: I FANTASMI DEGLI EX CODIPENDENTI!

Messaggio  Ospite il Sab Gen 24, 2015 6:36 pm

Sinceramente nn capisco nemmeno io. Ti sei messo con questa donna x pietà (un po cm se io andassi da un barbone e lo invitassi a stare da me e mi ci fidanzassi) cosa che a mio parere nn è né buonismo né cercare di addossarsi responsabilità. Fidanzarsi x pietà è senza senso, posso capire se ci sn pulsioni, ma così è davvero roba da film.
Veniamo al punto 2: volevi sbolognartela ma t facevi carico d lei. Anche questo insensato. O vuoi scappare o vuoi aiutare(oppure vuoi scappare, ma ci sn incentivi x cui scegli di rimanere, ma nn mi pare fosse un lavoro)
Cosa ancora + insensata: lograrti su un forum in cui la gente ha il dilemma "vorrei tornare ma so Ke sarei masochista a farlo"
Ora dici d avere paura. Ok. Ma davvero pensi Ke se frequenti una xsona vivrai di solo sesso? Dove sta la violazione di libertà nel chiedere 1 uscita? Le xsone nn sn oggetti da usare a comando. La parola trombamici contiene la parola "amici" sennò puoi metterla sul piano "ho il tuo numero x le crisi d'astinenza"
Detto qst: le paure le hanno tutti, se le affronti sei un essere umano.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: I FANTASMI DEGLI EX CODIPENDENTI!

Messaggio  Delfino81 il Sab Gen 24, 2015 3:59 pm

disperato ha scritto:Comunque non ti capisco
almeno noi abbiamo nel cuore un amore struggente e sentimenti mai provati, tanto forti che eravamo disposti a starci dentro ancora pur di continuare a provarli anche se ormai ampiamente minoritari
che senso ha stare insieme per 6 anni con una pazza che non si ama e che si è addirittura contenti che se la faccia un altro?
Cioè tu le davi supporto e lei si fidanzava con altri?
vabbeh allora eravate semplicemente amici no?

Infatti eravamo amici....la storia è lunga e poco racchiudibile in delle righe su un monitor....diciamo che io mi sono messo insieme a questa ragazza senza mai essere spinto da forti pulsioni amorose e nemmeno passionali...lei la stessa cosa con me....da quanto dice la psicologa che poi mi ha seguito, io avevo confuso l'"amore" con la "pietà" e lei aveva confuso l'"amore" con la "riconoscenza"...dato che per il suo essere BL non aveva amici, e gli stessi familiari facevano a scarica barile l'uno dell'altro....

di fatto siamo rimasti "insieme" solo 8 mesi....poi dopo un breve periodo di stacco, lei ha chiesto il mio aiuto per farla uscire un po' dopo una delusione di uno (subito dopo di me) che se l'è trombata e tanti arrivederci e grazie... poi dopo di questo ne so arrivati altri, ma la musica era semprela stessa....la spalla su cui piangere era sempre quella di Mimmo, ovvero del sottoscritto...

Le ho voluto bene questo si...ma come si puo voler bene a una sorella, o meglio a un'amica disabile....da tener conto che il suo essere BL era "mischiato" ad un altro disturbo, parecchio invalidante, chiamato disturbo di conversione, ovvero caratterizzato da crisi isteriche molto forti, auto ed etero aggressive, alla fine delle quali, poteva avere reazioni simili a quelle degli epilettici (cade a terra, grida, bava alla bocca, in sembra in uno stato di semicoscienza)..non a caso percepisce una piccola pensione di invalidità per questo....non puo guidare la macchina, i mezzi e sono troppo afollati non li puo prendere...io sono stato la sua "porta sul mondo" come mi definiva lei stessa nei rari momenti di riconoscenza....del resto, chi si prende la briga di uscire con una che puo mettersi a gridare come una indemoniata in pizzeria? Rolling Eyes

perche l'ho fatto? bella domanda....di sicuro, avrò tanti difetti, ma sono una persona buona.... ho sempre fatto volontariato con la caritas, poveri disabili, ecc ecc. e ho sempre donato tutto me stesso per queste cose, e non c'è cosa piu bella che ricevere un sorriso da un bambino sulla carrozzella dopo che l'hai fatto giocare un po'. pensavo di poter aiutare anche lei, ma mi sbagliavo...perche i BL "vanno accettati, non aiutati".... di fatto il bene anche fraterno che le ho voluto è andato scemando giorno dopo giorno.....

tra l'altro questo mio buonismo, che puo essere anche una cosa positiva, si fonda purtroppo con una cosa negativa (rilevata dalla mia psicologa) ovvero, un perenne senso di volersi de responsabilizzare per poi incolpare gli altri dei propri fallimenti o della propria infelicità... 'ho vissuto anche con i miei genitori...mi sono laureato per loro, a costo di un esaurimento nervoso....è quasi un piacere masochistico nel sentirsi "creditori".... difficile anche da spiegare....poi c'era quel senso di responsbailità che non mi doveva nemmeno appartenere...per un anno è stata con un bravo ragazzo, e io l'ho vista poco e niente, ma ero contento di non vederla e contento per lei, che era al sicuro....la paura mia era quando stava da sola, che poteva avere una crisi come quelle descritte, o peggio farsi di farmaci, ecc...

magari mi riterrai un mezzo matto.... te l'ho detto che noi codipendenti lo siamo piu dei border.... Very Happy cosi come io considero Follia pura, provare sentimenti di amore struggente (amore, non affetto, amore....quello erotico, passionale, viscerale che un po tuti voi CD avete provato tranne me)
per una persona da cui si rischia di venir traditi (ne ho sentiti di CD "innamorati" perdonare corna su corna ai partner BL, perdonare mazzate prese, ecc)....

Io non ho perdonato nulla...corna non me ne ha messe per il breve periodo in cui siamo stati insieme, poi ripeto potva farsi cercavo solo di archiviare dicendo (ma non con lo spirito di innamorato, ma di crocerossino, il medesimo col quale facevo volontariato per i bimbi paraplegici) "è disabile, è malata, nin è colpa sua"....

poi ho accumulato troppo, e la rabbia è esplosa....non contro di lei, però contro me stesso! a ognuno la sua "pazzia" Laughing

Delfino81

Messaggi : 70
Data d'iscrizione : 26.01.14

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: I FANTASMI DEGLI EX CODIPENDENTI!

Messaggio  disperato il Sab Gen 24, 2015 2:06 pm

Comunque non ti capisco
almeno noi abbiamo nel cuore un amore struggente e sentimenti mai provati, tanto forti che eravamo disposti a starci dentro ancora pur di continuare a provarli anche se ormai ampiamente minoritari
che senso ha stare insieme per 6 anni con una pazza che non si ama e che si è addirittura contenti che se la faccia un altro?
Cioè tu le davi supporto e lei si fidanzava con altri?
vabbeh allora eravate semplicemente amici no?

disperato

Messaggi : 147
Data d'iscrizione : 30.08.14

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

I FANTASMI DEGLI EX CODIPENDENTI!

Messaggio  Delfino81 il Sab Gen 24, 2015 1:19 pm

bUONGIORNO A TUTTI,

anche se non rispondo sempre singolarmente ai topic aperti dagli altri utenti, vi leggo sempre, risposte comprese, e mi rendo sempre piu conto che che un filo conduttore che lega tutti i codipendenti a me non è mai appartenuto....ovvero, il bisogno insaziabile di stare col borderline di cui si era codipendenti...

un po' tutti quelli che sento, non solo su questo forum ma anche in altri, hanno comunque vissuto un amore struggente, io nemmeno quello....

sono stato fidanzato solo un anno con la mia ex, e sinceramente credo di non averla mai amata nemmeno in quell'anno, forse sono stato legato a lei piu da "pietà" che altro..... per tutti gli altri 6 anni ho sopportato uguale e preciso le stesse cose di tanti altri "codipendenti", sfuriate, crisi, mazzate, ecc, ma senza esserne innamorato....anzi, ripeto, quando si fidanzava con qualcuno e si faceva sbattere ero la persona piu felice del mondo di non vederla...

l'unica cosa che mi teneva legato era questo senso di "responsabilità" che non so da dove derivasse (di sicuro la famiglia sua me l'aveva scaricata), tante volte dicevo che non volevo vederla piu e l'unico strumento di ricatto che aveva a sua disposizione era quello di farsi di pillole.... avevo solo paura che poi mi avrebbe schiacciato il senso di responsabilità per la sua morte...

il momento in cui ho troncato è quando mi inseguiva col coltello per casa sua, ho dovuto chiudermi in bagno e chiamare i carabinieri....da allora non la sento e vedo piu, e sono felicissimo cosi, ho solo tanta tanta rabbia che non riesco a smaltire, per essermi lasciato stuprare 7 anni della mia vita da una malata di mente con le sue manipolazioni. Ma la rabbia chiaramente non è rivolta verso di lei, ma verso me stesso, (perche il coglione sono stato io), ed è questa la vera cosa da cui non riesco a uscirne! e non so se ne uscirò mai piu...

Fatto sta che ho acquisito di avere evidentemente una personalità cosi debole, che ho paura di relazionarmi con qualsiasi altra persona....e non perche mi manca la borderline, ripeto sono piu che felice, di non vderla piu, anzi il problema è proprio il contrario, com un pentito di mafia ch deve cambiare identit e città ha paura di incontrare in ogni persona qualcuno del clan rivale che vuole farlo fuori, e vede mafiosi dappertutto, io vedo borderline dappertutto...

un piccolo aneddoto....stavo uscendo con una collega di lavoro, molto carina, che mi piace, abbiamo fatto del sesso come "trombamici" (io sono stato chiaro, nessuna complicazione sentimentale, e lei pareva aver accettato), saremo usciti si e no 3 4 volte, domenica scorsa io dovevo andare allo stadio quando il sabato nemmeno ci eravamo visti e lei mi fa "però almeno un giorno del week end me lo potresti dedicare, è vero che siamo trombamici e io ho accettato questa cosa ma cosi mi fai sentire proprio una puttana"....

Io ho detto che non voglio far sentire una puttana nessuna, ma gia questa sua richiesta di maggiore vicinanza ha fatto scattare in me quel campanello d'allarme per tutti i retaggi vissuto con la mia amica border...morale della favola.... ho troncato subito con la collega, e al lavoro (sono part time) mi sono fatto spostare al turno di pomeriggio per non vederla.... eppure adifferenza della mia ex questa mi piaceva davvero....e non nego che potesse nascere qualcosa di piu dal sesso...ma non posso rischiare... la mia LIBERTA' viene prima di tutto il resto....

morale della favola....come detto sopra....ormai questa paura è un fantasma che mi porto dentro, e non credo ne uscirò piu!

Delfino81

Messaggi : 70
Data d'iscrizione : 26.01.14

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: I FANTASMI DEGLI EX CODIPENDENTI!

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum